“Berlusconi si paragona ad Andreotti, ed è comprensibile. Ma la sinistra cosa ci trova in Andreotti?”. Così Marco Travaglio apre il suo editoriale, dedicato a un ritratto a tutto tondo del politico deceduto qualche giorno fa. E osserva: “Pietro Grasso, che fino a ieri era procuratore dell’antimafia, è andato alle esequie di Andreotti, il giorno prima è andato al funerale di Agnese Borsellino. Prima il dovere, poi il piacere”. Il vicedirettore del Fatto Quotidiano osserva che l’unico ad aver rifiutato di commemorare Andreotti è stato Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio, “l’eroe borghese”, assassinato dai sicari di Michele Sindona. E sottolinea come Umberto Ambrosoli sia criticato dal centrodestra e isolato dal centrosinistra. Travaglio afferma: “Oltre alla statura diversa dei politici, un’altra differenza tra prima e seconda repubblica è la perdita di ipocrisia”. Con la morte di Andreotti si è celebrata la fiera dell’ipocrisia, “il festival del tartufo”. E menziona il commosso tributo dei politici e alcune dichiarazioni memorabili di Enrico Letta, risalenti al 2005. “Forse anche Andreotti avrebbe commentato: ‘Ragazzi, datevi una calmata’” – osserva il giornalista – “Smettiamola di dire che Andreotti era un ipocrita. Siamo noi che siamo un branco di coglioni”. Travaglio ironizza sul Pd, commentando le ultime decisioni del governo Letta: “Andreotti era un bugiardo, ma non sarebbe mai passato nel giro di due mesi dal no a Berlusconi al sì a Berlusconi come il Pd oggi”. E su Miccichè osserva: “E’ un politico di fiuto, dà delle piste a tutti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, il gran finale con Vauro: da Andreotti alla Biancofiore

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Vendola: “Scuola pubblica e scuola privata”

next