Storiche tracce del cinema muto, i divi degli anni cinquanta, i classici degli anni ottanta: anche la nuova edizione del Cinema Ritrovato, la 27esima, dal 29 giugno al 6 luglio 2013 a Bologna, riserva nuove sorprese e attesi restauri.

Quest’anno la decennale kermesse  affonderà le radici nella Francia d’inizio Novecento (con il suo Théatre Mécanique Morieux e i primissimi film realizzati tra il 1903 e il 1907) per far tappa, come di consueto, nel cinema di cento anni fa (e il 1913 è un anno importantissimo per la nostra storia, anno glorioso con la perfezione formale dei suoi cortometraggi e i kolossal d’annata come Spartaco o lo schiavo di Tracia), e toccare due momenti cardine dell’epoca muta attraverso due retrospettive integrali di autori come Charles Chaplin (l’integrale restaurata del periodo Mutual, 12 film realizzati tra il 1916 e il 1918) e Alfred Hitchcock (l’integrale restaurata della produzione muta: 9 film realizzati tra il 1926 e il 1929).

L’occasione per pregustare i temi della 27ª edizione del festival sarà giovedì 9 maggio, alle ore 20.15 al Cinema Lumière (ingresso gratuito): il direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli condurrà una serata nella quale il pubblico sarà messo alla prova da temibilissimi cine-quiz, prima della proiezione della versione restaurata del film La Jetée, mediometraggio realizzato nel 1962 da Chris Marker, figura poliedrica del cinema francese, scomparso nel luglio del 2012 e al quale Il Cinema Ritrovato dedicherà un’intera sezione.

Festival che aprirà i battenti sabato 29 giugno, alle ore 22 in Piazza Maggiore, con un doppio programma (con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna che eseguirà le musiche composte  e dirette dal Timothy Brock) che ruota attorno alla storia di Carmen. Alla Carmen di Cecil B. DeMille (realizzato nel 1915 e interpretato dal soprano Geraldine Farrar) risponderà A burlesque on Carmen, parodia di Charles Chaplin, sempre del 1915.

Seguiranno  i grandi titoli restaurati, da Badlands – La rabbia giovane di Terrence Malick a The Lusty Man – Il temerario di Nicholas Ray, e la prima nazionale dei restauri presentati al prossimo Festival di Cannes, Lucky Luciano di Francesco Rosi, Hiroshima mon amour di Alain Resnais, Jour de Fête – Giorno di festa di Jacques Tati, Plein Soleil – Delitto al sole di René Clément.

Un omaggio a un’icona come Burt Lancaster, nei cento anni dalla nascita: ospite la figlia Joanna per le proiezioni del restauro di The Swimmer – Un uomo a nudo, diretto nel 1968 da Frank Perry e tratto da un racconto di John Cheever, e di un caposaldo del western come Vera Cruz, diretto nel 1954 da Robert Aldrich e interpretato da una coppia formidabile come lo stesso Burt Lancaster e Gary Cooper.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo Cascio, lezione d’attore a Bologna: “Non sarò per sempre Peppino Impastato” (foto)

next
Articolo Successivo

Bernardo Bertolucci presidente di giuria al Festival di Venezia: “Accetto con allegria”

next