Giuseppe Giangrande, il brigadiere ferito durante la sparatoria davanti a Palazzo Chigi il giorno del giuramento del nuovo governo, verrà curato al Centro di riabilitazione neurologica di Imola, Montecatone. Il carabiniere è atterrato all’aeroporto Marconi di Bologna, poi è stato trasferito, scortato da un’auto dei carabinieri, fino al centro di riabilitazione imolese. Con lui sull’ambulanza la figlia e il fratello.

Giangrande, ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma dopo la sparatoria provocata da Luigi Preiti, ha viaggiato su un Falcon dell’aeronautica militare, ed è stato assistito durante il volo da un’equipe medica dell’Ares 118 di Roma.

L’uomo è stato accolto nel reparto di Terapia intensiva dove inizierà l’attività riabilitativa per prevenire eventuali complicanze secondarie. “Rimarrà qui”, ha spiegato in una nota il direttore sanitario Roberto Pederzini, “rimarrà il tempo strettamente necessario per superare la fase di instabilità clinica e valutare l’entità del danno midollare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tromba d’aria, a Mirandola 18 famiglie sfollate e scuole chiuse

next
Articolo Successivo

Lo Cascio, lezione d’attore a Bologna: “Non sarò per sempre Peppino Impastato” (foto)

next