Giuseppe Giangrande, il brigadiere ferito durante la sparatoria davanti a Palazzo Chigi il giorno del giuramento del nuovo governo, verrà curato al Centro di riabilitazione neurologica di Imola, Montecatone. Il carabiniere è atterrato all’aeroporto Marconi di Bologna, poi è stato trasferito, scortato da un’auto dei carabinieri, fino al centro di riabilitazione imolese. Con lui sull’ambulanza la figlia e il fratello.

Giangrande, ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma dopo la sparatoria provocata da Luigi Preiti, ha viaggiato su un Falcon dell’aeronautica militare, ed è stato assistito durante il volo da un’equipe medica dell’Ares 118 di Roma.

L’uomo è stato accolto nel reparto di Terapia intensiva dove inizierà l’attività riabilitativa per prevenire eventuali complicanze secondarie. “Rimarrà qui”, ha spiegato in una nota il direttore sanitario Roberto Pederzini, “rimarrà il tempo strettamente necessario per superare la fase di instabilità clinica e valutare l’entità del danno midollare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tromba d’aria, a Mirandola 18 famiglie sfollate e scuole chiuse

prev
Articolo Successivo

Lo Cascio, lezione d’attore a Bologna: “Non sarò per sempre Peppino Impastato” (foto)

next