Paolo Becchi affronta i temi dell’euro e fiscal compact: norme e obblighi che l’Italia deve mantenere. Ma come si può parlare di crescita se non si rinegoziano i trattati con la comunità europea? Il docente poi spiega che l’Italia “è strangolata dall’euro, una moneta così forte”. E aggiunge: “I patti con l’Europa che ci costano 100mila miliardi all’anno”. Becchi punta il dito contro Letta e lo accusa di aver dato priorità alla Merkel: “Merkel e Germania sono i responsabili della nostra condizione”. Secondo il professore l’Italia deve rinegoziare le condizioni all’interno del tavolo europeo. E cita il titolo del libro di Enrico Letta scritto negli anni ‘90: “Morire per l’euro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Rossa, sindaco di Alessandria: “Con il taglio dell’Imu perdiamo 14 milioni di euro”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio: “La stessa maggioranza di ieri”

next