La bellissima villa nella roccia a Cala Feola, isola di Ponza, di Bruno Vespa è sotto indagine. La procura di Latina ha aperto un fascicolo per appurare se siano stati commessi, o meno, degli abusi edilizi. Al momento non ci sono iscritti nel registro degli indagati. Due le questioni aperte: il conduttore ha presentato istanza di condono al Comune e per un locale grotta, che oggi è un deposito per gommoni, che le autorità hanno respinto. E poi una piscina nata come “vasca di accumulo per le acque a servizio dei mezzi antincendio”. E che oggi è anche una piscina con tutti i comfort. Cosa dice l’interessato? “Si tratta di una vasca anti-incendio – ha commentato Vespa – con permesso di balneazione, autorizzata da 7 enti diversi. E’ giusto che la magistratura faccia gli accertamenti. Staremo a vedere”. Gli agenti della Forestale hanno fatto un sopralluogo e relazioneranno al pm. Intanto ecco la sequenza fotografica esclusiva (del 2004/2005) di Angelo Scipioni per ilfattoquotidiano.it  Montaggio di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il carabiniere Giangrande in sala operatoria. Alemanno: “Non criminalizzo il dissenso”

next
Articolo Successivo

Gli spari e la folla in fuga. Le immagini dell’attentato a Palazzo Chigi

next