I due fratelli erano pronti a colpire ancora. E l’obiettivo era grosso: piazza Times Squares a New York. E’ questo ciò che emerge dall’interrogatorio di Dzhokhar Tsarnaev, accusato, insieme al defunto fratello Tamerlan, di essere l’autore dell’attentato alla maratona di Boston. Proprio la piazza, divenuta uno dei simboli della Grande Mela, sarebbe stato il prossimo bersaglio dei due. Era lì, infatti, che Dzhokhar e Tamerlan avevano discusso di far esplodere il resto egli esplosivi in loro possesso.

La decisione era stata presa “spontaneamente”, “mentre erano in macchina”. In tutto i fratelli avevano altri sei ordigni, uno ricavato da una pentola a pressione imbottita di esplosivo come quelle di Boston e altre 5 bombe artigianali.
Il ragazzo aveva precedentemente detto agli inquirenti che lui e Tamerlan intendevano recarsi a New York per festeggiare, dopo aver compiuto l’attentato a Boston. Durante successivi interrogatori, il 19enne ha affermato che insieme al fratello aveva discusso di un successivo attacco a Times Square. Tuttavia, una delle fonti investigative ha specificato che il piano dei due fratelli di origine cecena era “al massimo un’aspirazione“.

Intanto emergono ulteriori particolari sull’organizzazione della strage nella capitale del Massachusetts. Per azionare i due ordigni al traguardo della competizione cittadina, i due fratelli, ha rivelato Dzhokhar agli investigatori, hanno usato un telecomando simile a quello delle macchinine radiocomandate. Secondo quanto rivelato dalla polizia, i due hanno imparato a costruire le bombe leggendo Inspire, il magazine del terrore creato da Al Qaida, che insegna ad uccidere i nemici dell’Islam.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile: arsenico e pallottole contro gli indios. Torna alla luce il rapporto ‘perduto’ di Figueiredo

prev
Articolo Successivo

Regno Unito, a Londra prima vittoria No Tav: l’alta velocità sarà sotterranea

next