Dopo le prime 40 lettere di licenziamento, i dipendenti del San Raffaele di Milano tornano a protestare. Chiedono garanzie sul loro futuro lavorativo e temono l’arrivo di altre 200 lettere. Questa mattina si è arrivati a un nuovo scontro con le forze dell’ordine, appena prima dell’ingresso nell’atrio. Dalle 9.30, infatti, i lavoratori hanno occupato l’accettazione del polo ospedaliero alle porte di Milano, dove ormai da mesi è attivo un presidio contro le scelte della nuova proprietà  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito minimo garantito, cosa dice la proposta di legge?

next
Articolo Successivo

Malpensa, tensione per il corteo dei sindacati “No alla privatizzazione di Sea”

next