In una fase di sfiducia nelle istituzioni ciò che dovrebbe cercare di fare ciascun deputato è lavorare per recuperare la credibilità del parlamento.

Evidentemente c’è chi non ha ancora capito l’aria che tira e ritiene di abusare del suo voto giocando con i nomi, come al bar o fra gli amici.

Chi ha indicato come presidente della Repubblica Valeria Marini, Rocco Siffredi, Giovanni Trapattoni e altri non si è comportato come un designato, un eletto perché migliore, ma come una persona che abusa del suo ruolo profanando la sua funzione di deputato con ironie fuori luogo, come i bulletti a scuola che non avendo nulla da dire sulla lezione devono comunque dimostrare a sé stessi di esistere.

In ogni caso i candidati fuori rosa che sono stati indicati sono comunque mille volte migliori di chi per spregio delle istituzioni li ha scritti, nel suo atto di coraggio, protetto dall’anonimato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quirinale, sit-in comitati acqua e scuola pubblica: “Rodotà è la scelta dei cittadini”

prev
Articolo Successivo

Quirinale, gli elettori del Pd e i sederi di Salò

next