Senza un accordo tra Pd e Pdl sulla scelta del presidente della Repubblica si rischia di tornare al voto. E’ l’avvertimento di Credit Suisse, che descrive uno scenario politico in Italia “non ancora chiaro” a sei settimane dalle elezioni, “anche se ci dovrebbe essere al più presto un’accelerazione verso una qualche soluzione”. I prossimi giorni, secondo la banca svizzera, saranno “fondamentali per la formazione di un governo e per dare credibilità al quadro istituzionale del Paese”.

L’evento più probabile, proseguono gli analisti, è che i due principali schieramenti politici troveranno presto una intesa, “sulla scia dei recenti incontri tra Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi“. In tal caso il nuovo capo dello Stato “sarà eletto probabilmente nel primo giorno di votazioni”. E questo accordo “dovrebbe anche fornire la base per un governo di coalizione di qualche tipo: una grande coalizione o un governo di centro sinistra con appoggio esterno dal centro destra”.

L’istituto di credito sostiene invece che, senza un’intesa prima del 18 aprile, è probabile che il nuovo presidente sarà votato da una diversa maggioranza, probabilmente dal centro sinistra e alcuni o tutti i membri del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Uno scenario “meno probabile ma da considerare” che “dovrebbe essere più dirompente e dovrebbe portare a una forte opposizione del centro destra e probabilmente il più presto possibile a nuove elezioni”.

A metà febbraio Credit Suisse aveva avvertito che i sondaggi pre voto mostravano lo scenario “relativamente rassicurante per i mercati di una vittoria del centro sinistra pro-Europa, che formerà probabilmente un governo con il supporto della coalizione centrista di Mario Monti“. La banca aveva anche segnalato uno scenario “meno ottimista”: la vittoria del centro destra in entrambe le Camere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Movimento Cinque Stelle: le Quirinarie e tutti i limiti della web democracy

next
Articolo Successivo

I ’10 saggi’ imbavagliano le intercettazioni?

next