La signora Thatcher ha fatto un ultimo piccolissimo favore ai due ragazzotti, il premier Cameron e il ministro delle Finanze Osborne, che tentano goffamente di emularla alla guida del partito conservartore. La sua morte ha silenziato un’altra notizia che rischiava di detonare sulle prime pagine, come succede in Inghilterra anche di fronte a piccole violazioni della legge. Ad indignare profondamente i cittadini britannici sono stati due divieti di sosta.

Osborne ha parcheggiato nel posto riservato ai disabili, Cameron in uno spazio non consentito. Due storielle minime. Due storie di quelle che il presidente Napolitano probabilmente liquiderebbe come robaccia da moralizzatori fanatici. Ma qui l’etica è diversa, come sappiamo. E a noi piace raccontarla. Quindi eccole.

Il primo a finire sotto accusa è George Osborne, cancelliere dello Scacchiere, l’uomo dei tagli ai sussidi e alla spesa, probabilmente il più impopolare del momento. Di ritorno da un visita ufficiale a Cardiff si è fermato a un’area di servizio per prendere un panino da McDonald’s. La sua Land Rover grigia si è fermata nello spazio dei disabili, quello più vicino all’ingresso. Fotografato e messo alla berlina. Una figuraccia che ha scatenato l’indignazione popolare. Ha dovuto scusarsi pubblicamente, anche se da quanto si è capito in seguito la macchina era guidata da un poliziotto e quindi legalmente autorizzata a parcheggiare ovunque, per tutelare l’incolumità del ministro.

Neanche si fossero messi d’accordo, lo stesso giorno il primo ministro David Cameron ne ha combinata un’altra. In visita al collegio elettorale di Whitney, nell’Oxfordshire, ha lasciato la sua Jaguar parcheggiata per tre ore nello spazio dove la sosta è permessa solo per 30 minuti (pena 100 sterline, 120 euro, di multa). Il Daily Mail intervista addirittura testimoni oculari: “Dopo quello che era appena successo a Osborne parcheggiare correttamente doveva essere la sua priorità” dice uno. Un altro: “Nello stesso posto io mi sono beccato una multa per aver superato i 30 minuti. So quanto è controllato in genere qui. Strano che oggi non sia passata nessuna pattuglia”. L’indignazione è raddoppiata per il fatto che vicino c’è un centro commerciale dove si può lasciare la macchina gratis fino a 5 ore. Il vice presidente del Labour Party ha commentato: “Siamo alle solite, con Cameron e Osborne c’è una regola per loro e una per tutti gli altri”.

Ora, moralizziamoci un attimo e pensiamo a cosa sarebbe successo a casa nostra. Impossibile. Quando mai un ministro va a mangiare a un Mc Donald? E quando mai un premier parcheggia la macchina? Come minimo usa un elicottero di Stato. 

Il Fatto Quotidiano, 11 Aprile 2012

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, alle presidenziali post Ahmadinejad spunta il candidato anti-nucleare

prev
Articolo Successivo

Siria, liberati i quattro giornalisti italiani. Susan Dabbous: “Separata dagli altri”

next