Si chiama Spazio Grisù ed è la prima “factory creativa” dell’Emilia-Romagna, 4000mq nell’ex caserma dei Vigili del Fuoco di Ferrara riconsegnati a un gruppo di professionisti decisi a trasformare uno spazio abbandonato in una sorta di officina della cultura e della creatività.

A guardare l’elenco delle imprese che si sono installate nell’ex Caserma troviamo, tra gli altri, uno studio di progettazione di imbarcazioni elettriche, un gruppo di designer di mobili in ferro e vetro, un laboratorio di ricerca della Facoltà di Architettura di Ferrara, una casa di produzione indipendente di documentari, un’azienda che si occupa di audiolibri e una coop di formatori.

Il presidente dell’associazione Grisù Fabrizio Casetti scherzosamente ama parlare di “tutti quei mestieri che la mamma non riesce a capire”. Al di là delle battute l’idea è seria e funziona:  mettere a contatto start-up e imprese già avviate che si occupano di artigianato e di nuove tecnologie. “Casa per creativi”, la chiamano alcuni, “incubatrice per imprese”, direbbero i tecnici. “Recuperare uno spazio dismesso senza finanziamenti iniziali è stata una sfida forse folle, rischiosa, ma avvincente – racconta Maria Livia Brunelli di Spazio Grisù – Questo è un progetto comune, in cui tutti noi stiamo mettendo qualcosa: tempo, risorse e competenze. Un’idea in cui crediamo e che speriamo possa replicarsi in altri luoghi per creare nuovi posti di lavoro e premiare il merito”

La storia della caserma dei Vigili del Fuoco di Ferrara inizia nel 1930 e finisce nel 2004, quando fu abbandonata. Quasi 10 anni di inutilizzo e poi la rinascita, nel 2012, quando la Provincia di Ferrara decide di consegnare le chiavi dello stabile al gruppo no profit Grisù che promette di recuperare lo spazio e di riempirlo di attività imprenditoriali innovative. “Cercavamo uno spazio per collocare tutti coloro che usano l’arte e la cultura come materia prima – spiega Fabrizio Casetti – Un luogo che metta in comunicazione con altri colleghi che operano nello stesso ambito per influenzarsi a vicenda e scambiarsi idee”.

Dopo un anno l’associazione ha selezionato 18 progetti imprenditoriali per un totale di 60 posti di lavoro. Il costo per il pubblico? Nessuno, visto che tutta l’attività di recupero, pulizia e rimessa a norma dei 4mila metri quadrati, è finanziata dagli sponsor tecnici che hanno deciso di appoggiare l’idea della factory. Tra gli altri Banca di Romagna, Caricento, Unipol e l’Ascom locale. In cambio del lavoro di ristrutturazione tutte le imprese accolte nell’ex Caserma non dovranno pagare l’affitto per almeno cinque anni. “Per noi Grisù è diventata una priorità – ha spiegato Marcella Zappaterra, Presidente della Provincia di Ferrara – Abbiamo rinunciato a vendere l’ex Caserma dei Vigili del Fuoco per fare un investimento per il futuro della città. Sarà lo spazio delle imprese e il nostro interesse è far sì che resti a loro disposizione. Vogliamo che Spazio Grisù diventi un esempio e un modello per la provincia di Ferrara e ma anche per l’Italia in generale. Da parte della Provincia è stata poi ribadita la volontà di rinnovare la concessione dello spazio anche allo scadere del comodato d’uso gratuito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvate gli elettori del Pd dal Pd

prev
Articolo Successivo

Hera, l’ira dei sindaci romagnoli del Pd: “Basta stipendi d’oro ai manager”

next