“Sono stato fermati e non sequestrati“, “stanno bene“. Secondo fonti citate dall’agenzia di stampa Ansa, i quattro reporter italiani – la freelance Susan Dabbous, collaboratrice del fattoquotidiano.it, il reporter Rai Amedeo Ricucci, il fotografo Elio Colavolpe e il documentarista Andrea Vignali“saranno presto liberati e accompagnati in Turchia”. 

“‘Sono in buone condizioni di salute e i combattenti che li hanno fermati li trattano benissimo e già domani potrebbero rientrare in Italia”, afferma la fonte sottolineando che i quattro “verranno riaccompagnati dagli stessi ribelli che li hanno fermati in Turchia”.

La fonte precisa che i ribelli stanno “effettuando solo degli accertamenti per verificare che si tratti di giornalisti e non di spie come pensato in un primo momento”. Il gruppo di ribelli che li ha fermati “appartiene alla galassia dell’opposizione e non all’Esercito siriano libero (Esl)”.

Intanto sulla vicenda, la Rai, “in linea con l’invito al massimo riserbo formulato dall’unità di crisi della Farnesina a tutela dei connazionali coinvolti, si appella alla sensibilità di tutti i giornalisti della carta stampata, delle radio, delle televisioni e del web affinchè venga mantenuto un responsabile silenzio stampa“.

E ai giornalisti va la solidarietà dell’Ordine. Enzo Iacopino, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e Bruno Tucci, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio “manifestano preoccupazione per il fermo dei quattro colleghi nel Nord della Siria”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, sequestrati 4 giornalisti italiani. Tra loro anche collaboratrice del Fatto.it

next
Articolo Successivo

Nelson Mandela sta meglio: esce dall’ospedale e torna a casa

next