Allarme maltempo in Argentina. Sono almeno 46 le vittime del  violento acquazzone che si è abbattuto su La Plata, capitale della provincia di Buenos Aires. Ha piovuto tutta la notte scorsa e le stime ufficiali parlano di 400 millimetri di pioggia caduti in meno di due ore. La conferma del bilancio dei morti arriva, con un annuncio alla radio, dal governatore della provincia, Daniel Scioli.

Il ministro della Sicurezza Sergio Berni ha confermato l’entità dell’emergenza: “Quello che è successo a La Plata non ha precedenti. La metà della città è senza luce, c’è  molta gente che si è rifugiata sui tetti e sugli alberi”. A La Plata è arrivato anche la presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner, e sta incontrando la popolazione. Uno dei punti che ha subito danni maggiori è il comune di Tolosa, dove il presidente è nato e dove vivono la madre e la sorella.

I soccorsi sono all’opera. Berni ha aggiunto che “milleduecento residenti sono già stati evacuati dalle loro case”. ma il dato è poi salito a 20mila. I danni materiali rimangono incalcolabili. Sui social network, intanto, si moltiplicano le richieste di informazioni di persone di cui non si è saputo più nulla. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spagna, indagata l’infanta Cristina. Re Juan Carlos a rischio abdicazione

prev
Articolo Successivo

Corea del Nord: “Via libera a un attacco nucleare contro gli Stati Uniti”

next