Aveva gravi problemi economici, così si è sparato con la pistola di ordinanza davanti alla caserma dei carabinieri di Triggiano. Nicola Rutigliano, un agente di Polizia di 43 anni in servizio al Commissariato San Nicola di Bari, è morto poche ore dopo il ricovero all’ospedale di Venere di Carbonara. 

L’uomo aveva annunciato l’intenzione di farla finita con una telefonata al 112, poi ha raggiunto in auto la caserma e si è sparato nella propria vettura. I carabinieri, sentita l’esplosione, sono usciti per soccorrerlo e lo hanno trasportato all’ospedale senza attendere l’arrivo dell’ambulanza. 

Secondo alcune fonti, il motivo del gesto è spiegato in un biglietto che l’uomo avrebbe lasciato nella propria abitazione di Triggiano, cittadina di cui era originario.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili