Nelson Mandela “ha il morale alto, le sue condizioni sono stabili”. Il governo sudafricano fa arrivare notizie rassicuranti sulla salute dell’ex presidente. “Madiba”, 94 anni, sta trascorrendo la sua secondo giornata in ospedale dove è stato ricoverato per un’infezione polmonare. In una nota diffusa dalla presidenza si sottolinea che Mandela “ha il morale alto e questa mattina ha fatto colazione. I dottori hanno parlato di progressi costanti. Mandela rimane in cura e sotto osservazione in ospedale”. La presidenza inoltre ribadisce il suo appello “ai media e alla gente di rispettare la privacy di Madiba e della sua famiglia”.

Ieri sera il presidente Jacob Zuma aveva raccomandato: “Il paese non deve farsi prendere dal panico, Madiba sta bene”. Il presidente americano ieri sera Barack Obama si era detto “molto preoccupato” per lo salute del premio Nobel per la Pace, che definisce “eroe per tutti noi”. “Pensiamo a lui e alla sua famiglia e preghiamo per loro” ha detto Obama, augurandosi che Mandela “vinca anche quest’ultima prova. Sappiamo tutti quanto ha fatto per il suo popolo, per il Sud Africa, per il suo continente. E’ stato un’ispirazione per noi tutti”. 

I residenti di Qunu, il villaggio della famiglia di Mandela nel sudest del Sudafrica, sperano che Madiba torni presto. “Gli manca molto, soprattutto ai più anziani. Sperano che torni presto a casa”, ha detto Zimsile Gamakulu, una guida del clan di Mandela, citato dal settimanale sudafricano City Press. La notizia del ricovero del Nobel per la pace è arrivata molto lentamente ieri nel villaggio: “Molti qui non sanno nemmeno che è in ospedale”, ha aggiunto Gamakulu.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord, allerta unità missilistiche contro gli Stati Uniti

next
Articolo Successivo

Tibet, 83 minatori sono rimasti sepolti sotto una frana

next