Il procuratore generale della Cassazione Luigi Riello interviene duramente sulla vicenda Meredith. La sentenza della corte d’appello di Perugia che ha assolto Raffaele Sollecito e Amanda Knox per l’omicidio della studentessa inglese “è un raro concentrato di violazioni di legge e di illogicità e credo che debba essere annullata”, ha commentato al termine della requisitoria durata oltre mezz’ora.

”In questo processo il giudice di merito ha smarrito la bussola“, ha detto senza usare mezzi termini. “Imputare tutto a questi pasticcioni della scientifica, che non sono brigadieri, con tutto il rispetto, che giocano a fare il piccolo chimico, ma un reparto altamente specializzato, non è congruo”, ha spiegato.

Riello ha comunque ricordato che gli stessi periti di appello hanno escluso che eventuali contaminazioni siano avvenute in laboratorio e ha detto che gli accertamenti genetici sono stati svolti con le garanzie degli esami irripetibili, “del tutto assimilabili alle perizie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Magdi Allam: “Lascio la Chiesa, che legittima Islam e protegge immigrati”

next
Articolo Successivo

Meredith, processo da rifare. Cassazione annulla assoluzione Knox-Sollecito

next