Eni dichiara ”lo stato di forza maggiore” e chiude tutte le attività onshore della Swamp Area, in Nigeria, per l’intensificarsi del bunkering, ovvero il sabotaggio degli oleodotti con relativo furto del greggio. Negli ultimi tempi, come sottolinea la società, il fenomeno “ha raggiunto livelli non più sostenibili sia da un punto di vista dell’incolumità delle persone sia per i danni che tale attività sta arrecando all’ambiente”.

Il gruppo è presente nel Paese africano da oltre cinquant’anni con una produzione equity, nel 2012, di 154mila barili di olio al giorno. La produzione dell’azienda italiana nella Swamp Area, in particolare, era di 35/40mila barili di olio al giorno e recentemente le perdite attribuibili al bunkering hanno raggiunto punte del 60 per cento.

“La sostenibilità è per Eni una priorità in Nigeria, come in tutti i Paesi in cui opera”, ha spiegato la società. “Da sempre Eni promuove e realizza nel Paese numerosi interventi in campo sociale e ambientale in collaborazione con le autorità nazionali e locali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav e grandi opere, non contano solo le proteste

prev
Articolo Successivo

M5S e Pd, programmi a confronto: un tetto ai compensi dei manager

next