Eni dichiara ”lo stato di forza maggiore” e chiude tutte le attività onshore della Swamp Area, in Nigeria, per l’intensificarsi del bunkering, ovvero il sabotaggio degli oleodotti con relativo furto del greggio. Negli ultimi tempi, come sottolinea la società, il fenomeno “ha raggiunto livelli non più sostenibili sia da un punto di vista dell’incolumità delle persone sia per i danni che tale attività sta arrecando all’ambiente”.

Il gruppo è presente nel Paese africano da oltre cinquant’anni con una produzione equity, nel 2012, di 154mila barili di olio al giorno. La produzione dell’azienda italiana nella Swamp Area, in particolare, era di 35/40mila barili di olio al giorno e recentemente le perdite attribuibili al bunkering hanno raggiunto punte del 60 per cento.

“La sostenibilità è per Eni una priorità in Nigeria, come in tutti i Paesi in cui opera”, ha spiegato la società. “Da sempre Eni promuove e realizza nel Paese numerosi interventi in campo sociale e ambientale in collaborazione con le autorità nazionali e locali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Tav e grandi opere, non contano solo le proteste

next
Articolo Successivo

M5S e Pd, programmi a confronto: un tetto ai compensi dei manager

next