Il direttore del Giornale Alessandro Sallusti è stato sospeso per tre mesi dal Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Il provvedimento è in relazione agli articoli pubblicati nel 2007 da Libero, allora diretto da Sallusti, che hanno portato nel dicembre scorso all’arresto del giornalista. La sentenza è sospesa fino al termine per la presentazione di un eventuale appello al Consiglio nazionale dell’Ordine.

Gli articoli in questione sono apparsi su Libero nel marzo 2007 sulla “falsa notizia della ragazzina torinese che sarebbe stata costretta ad abortire per decisione di un giudice minorile, notizia mai seguita da rettifica”, precisa l’Ordine in una nota. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro trenta giorni.

Il giornalista ha affidato a Twitter una replica polemica: “Graziato” dal presidente della Repubblica, ma “condannato dai colleghi a tre mesi di sospensione”. Buffoni”, conclude. E dal sito del Giornale annuncia: “Farò ricorso e continuerò a lavorare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grasso: “Confronto tv con Travaglio”. Il giornalista: “Si faccia da Santoro”

prev
Articolo Successivo

Crisi Corriere, i Benetton si chiamano fuori, mentre Edison apre all’aumento

next