Burocrazia e visti difficili da ottenere ostacolano la permanenza dei cervelli stranieri negli Stati Uniti. Così le nuove start-up della Silicon Valley nasceranno su una nave. A Washington infatti, considerata la capitale mondiale delle idee, ottenere un visto lavorativo per i ricercatori che arrivano dall’estero non è semplice, perché gli Usa pongono un tetto di 65 mila permessi temporanei ogni anno. Per ovviare al problema della fuga di professionisti di talento a causa delle politiche sull’immigrazione, due imprenditori californiani, Max Marty e Dario Mutabdzija, hanno pensato di utilizzare una nave da crociera come base per i ricercatori, una sorta di città galleggiante situata a 12 miglia dalla costa, in acque internazionali.

Dunque, niente visto di lavoro, ma solo un visto turistico d’affari, molto più semplice da ottenere. Marty e Mutabdzija sperano di inaugurare il progetto – chiamato Blueseed (nella foto)– nella primavera del 2014, e già 380 aziende da 66 Paesi del mondo hanno fatto domanda per avere un posto sulla nave. L’imbarcazione è in grado di ospitare mille persone più l’equipaggio, e se l’idea andrà in porto, i ricercatori potranno affittare – per il limite massimo di sei mesi o un anno – una cabina condivisa con altre persone per 1.200 dollari al mese, oppure una singola per 1.600. Avranno inoltre a disposizione uno spazio lavorativo comune, palestra, bar, medici a disposizione in caso di necessità, e un servizio di sicurezza privato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cervelli in fuga, la mia tesi per ombrello: lettera all’università che non c’è

next
Articolo Successivo

Grillo, ti consiglio ‘Solo Andata’

next