bindi-rostellato Non bisognerebbe mai vantarsi di essere maleducati. E questo per me è un dato di fatto.

Che poi a vantarsi della propria maleducazione sia una neo-eletta del M5S, vale a dire una rappresentante del popolo italiano e, dunque, qualcuno che, sempre, dovrebbe esprimersi “al meglio” della forma che, poi’, e’ anche sostanza, è proprio inaccettabile. 

Ma tant’è. Da questo nuovo Parlamento, in cui ogni sospiro sembra necessariamente dover finire sui social media, pare, bisogni aspettarsi di tutto. 

Volevo, però, ricordare, seguendo l’input offertomi dalla mia amica Melita, alla “cittadina eletta”, signora Gessica Rostellato, mamma di due bambini, che per questo ne capisce di famiglia (come dice lei nel video della sua auto presentazione per la candidatura alle elezioni), che lei all’onorevole Rosi Bindi la mano dovrebbe stringerla eccome, se non altro per essere stata una delle “paladine” delle quote rosa, quelle che, sempre come affermato dalla Rostellato nel video, le hanno consentito di iniziare la sua carriera politica che, speriamo, in futuro, si esprima a livelli più alti di quelli che ci è dato sinora vedere.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

21 marzo 2014, una Giornata contro le mafie

prev
Articolo Successivo

Il fantasma dei desaparecidos che aleggia sulla Chiesa

next