“Ritroviamo insieme orgoglio, fiducia e l’unità necessaria”. E’ l’invito del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio per l’Unità d’Italia trasmesso da i principali telegiornali aggiungendo che è necessario “non perdere lo spirito costruttivo e il senso di responsabilità”. Nella Festa dell’Unità d’Italia, il 17 marzo, “nel 2011 in occasione del 150esimo anno ci sono state innumerevoli celebrazioni dalle più solenni, nazionali e internazionali, alle più semplici nelle scuole, nelle associazioni, e nei comuni con vaste e calorose adesione di giovani e cittadini. E’ molto importante non dimenticare quello che esse hanno significato, gli italiani sono consapevoli di ciò che di meglio è stato fatto nella nostra storia”.

“Quel che non va nello Stato, nelle istituzioni, nella politica” va “modificato e riformato” dice il capo dello Stato. ”Siamo oggi noi italiani credo che lo sappiamo bene, di nuovo in un momento difficile e duro, per l’economia che non cresce, per la disoccupazione che aumenta e dilaga tra i giovani, per il Mezzogiorno che resta indietro. Ritroviamo il senso dell’unità necessaria. Unità, volontà di riscatto, voglia di fare e stare insieme nell’interesse generale, senza dividerci in fazioni contrapposte su tutto, senza perdere spirito costruttivo e senso di responsabilità”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caro Grillo, serve una scopa e non l’apriscatole

prev
Articolo Successivo

Grillo: “Grasso e Boldrini foglia di fico. No D’Alema al Quirinale”

next