Un percorso multimediale dedicato al tema del maltrattamento e della violenza sulle donne. È la proposta di Caritas Ambrosiana per ‘Fa’ la cosa giusta!‘, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, in corso di svolgimento a Fieramilanocity dal 15 al 17 marzo. All’interno dello stand di Caritas Ambrosiana, attraverso video, immagini, suoni vengono proposte suggestioni e riflessioni per far sperimentare ai visitatori l’ambivalenza di ciò che osservano. Dopo essere passati all’interno di un cubo nero, una sorta di camera oscura, che tende a smontare i pregiudizi sul rapporto uomo-donna nel lavoro, nell’educazione, i visitatori vengono invitati a compiere un percorso lungo il quale ciò che a prima vista, dall’esterno, poteva essere interpretato come un gesto affettuoso, varcata la soglia, si rivela ben altro. Terminato il percorso sensoriale, si accede a un’ulteriore fase, quella della “messa in gioco”, della riflessione, curata e guidata da operatrici sociali ed esperte. “Dobbiamo comprendere che siamo in un contesto che tollera la violenza contro le donne e lavorare su questa consapevolezza – ha spiegato suor Claudia Biondi, coordinatrice dell’area Maltrattamento della Caritas Ambrosiana -. Così il nostro spazio vuole fornire degli strumenti per affrontare questo contesto culturale che genera violenza”  di Alessandro Madron

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti gay, padri e figli: la semplicità dell’amore

next
Articolo Successivo

Gay Pride 2013 a Palermo, per la prima volta con il patrocinio della Regione

next