Due donne ferite, porte scardinate, furti di articoli elettronici e un punto vendita chiuso al pubblico per atti di vandalismo. E’ questo il bilancio della devastazione avvenuta ai danni del punto vendita “Expert Papino” presso il centro commerciale “Conca d’oro” a Palermo. In occasione del primo anniversario della struttura, realizzata dall’imprenditore Maurizio Zamparini, erano state messe in offerta cinquanta lavatrici al prezzo di un solo euro. All’apertura del centro, alle nove del mattino, centinaia di persone hanno assaltato letteralmente il punto vendita, causando la caduta di due donne, una delle quali ha subito danni a un polso. Un gruppo di ragazzi ha invece preso di mira un bancone, lanciando la merce; altri ancora hanno rotto le vetrine e rubato tv e playstation per poi fuggire dalle uscite di emergenza (Video tratto da youtube)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Papa in preghiera a Santa Maria Maggiore: “Siate misericordiosi”

next
Articolo Successivo

Libertà e Giustizia, solidarietà a Milano per i pm dopo la “marcia” del Pdl

next