Cambiare partito? ”No. Sono rimasto nel Pd e con Bersani non solo perché sono leale alla “Ditta”, ma anche perché penso che per l’Italia sia utile avere due grandi partiti”. Matteo Renzi, in una intervista a l’Espresso spiega che in caso di nuovo voto “se ci fossero le condizioni, ci starei” a fare il candidato premier.

“Tra dieci giorni ci sarà un governo Bersani? Un governo del presidente? O torneremo a votare?”, ha chiesto il settimanale al sindaco di Firenze che però precisa subito di non volersi sostituire al Capo dello Stato: “Credo – dice – che sarà una legislatura breve, mi auguro che almeno si riesca a scrivere una buona legge elettorale. Il mio modello è il sindaco d’Italia”.

“Solo da noi – spiega – il vincitore è oggetto di interpretazione: se alla Sistina si votasse con il Porcellum sarebbero eletti in quattro. E ora a venti giorni dal voto stiamo per infilarci nel rito nobile delle consultazioni. Ci mettono meno a fare il Papa che il presidente della Camera!”. Renzi, annunciando tra l’altro che sta preparando un “Job act”, un «innovativo» piano per il lavoro, da presentare a breve, spiega la sua fedeltà al partito dicendo di ritenere utile “per l’Italia di avere due grandi partiti: non possiamo continuare con l’idea che ognuno si fa il suo partitino”. Assicurando poi di non essere “minimamente interessato a capire cosa farò da grande” in merito ad una sua possibile e futura candidatura alla segreteria dei democratici, il sindaco spiega di volere “che ora facciamo sentire la nostra voce”.

Ma se alla fine – insiste L’Espresso – salta tutto e si va alle elezioni Renzi si candida a premier o no? “Pensavo di sì. Da quando ho letto che anche Fioroni mi appoggerebbe mi è venuto qualche dubbio…”, risponde aggiungendo in un secondo momento che “se ci fossero le condizioni ci starei. Nonostante Fioroni. E senza Fioroni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo, cosa ha detto veramente al quotidiano tedesco Handelsblatt

prev
Articolo Successivo

Regione Puglia, il ‘Vendola Ter’ fa volare gli stracci col Pd ridimensionato

next