“La Boccassini va cacciata a pedate nel culo dalla magistratura perché secondo lei la giustizia non è uguale per tutti ed è affezionata solo a Berlusconi“. Vittorio Sgarbi, ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio 24, lancia le sue invettive al magistrato Boccassini. “A lei” – continua il critico d’arte – “non interessa chi è andato a letto con Ruby quando era minorenne, ma solo Berlusconi. Perchè non ha messo sotto indagine le altre duecento persone che hanno trapanato Ruby a pagamento, quando era minorenne, come lei stessa ha dichiarato e come risulta dai tabulati telefonici? Ci sono altre persone, tra cui un calciatore“. E aggiunge: “La Boccassini ha un solo obiettivo, colpire Berlusconi, che è un obiettivo strettamente politico, non ha nulla a che fare con le scopate di Ruby. E la vicenda della visita fiscale” – continua – “dimostra che lei ha una preda, la sua balena bianca è Berlusconi. E’ un processo criminale e assolutamente infondato, perché non c’è una minorenne incapace di difendersi da un mostro crudele. Qui è evidente che si tratta di circonvenzione di attempato. La ragazzina non si sente vittima di nulla, la vittima caso mai è Berlusconi“. Sgarbi rincara menzionando Pasolini: “Lui faceva pompini ai ragazzi di quindici anni della sua scuola e nessuno lo ha perseguito. Siamo di fronte a una follia sessuofobica”. Altri strali sono dedicati a Beppe Grillo, appellato “dittatore peggiore di un fascista” e “un coglione che non va in Parlamento e fa il guru”, e agli attivisti del Movimento 5 Stelle, definiti “ignoranti grillini di merda”  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi, marcia sul Tribunale (con ricatto)

next
Articolo Successivo

Sallusti: “Travaglio? Un genio assoluto. Grillo manipola le menti”

next