Fino all’ultimo giorno. Per dovere, ma con fatica. Giorgio Napolitano ha rassicurato tutti sul suo operato, ma non ha mancato di sottolineare come il momento sia complicato e di difficile soluzione. Il capo dello Stato lo ha detto intervendo all’Accademia dei Lincei, in ricordo di Rita Levi Montalcini. ”Io farò quel che debbo fino all’ultimo giorno del mio mandato” ha assicurato il presidente della Repubblica, che poi, prendendo spunto dalle parole dall’expresidente della Corte Costituzionale, Giovanni Conso (che lo aveva definito “faro” per l’Italia in questo momento delicato), ha spiegato: “Non so se faro o luce assolutamente normale e umana, ma a volte si fa fatica a fare luce nella nebbia ed io cerco di fare del mio meglio”.

”Alla vigilia della conclusione del mio mandato” voglio “sottolineare come la conclusione corrisponda pienamente alla concezione che i padri costituenti ebbero della figura del presidente della Repubblica” ha aggiunto Napolitano, che poi, oltre a ricordare come i padri costituenti disegnarono il già lungo settennato al Quirinale, ha aggiunto che ciò corrisponde bene anche “alla continuità delle nostre istituzioni ed anche – ha osservato – anche alla legge del succedersi delle generazioni”. Fonti del Colle, inoltre, hanno ribadito che è inutile fare ipotesi sui tipi di incarico che scaturiranno dalle consultazioni. E’ solo allora, come ha recentemente ricordato il Presidente Napolitano, che verrà fatta sintesi delle posizioni che verranno presentate dalle forze politiche. “Attendiamo le consultazioni: prima di allora sono solo fantasie”, dicono le fonti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Svizzera: è morto Bignasca, il leader della Lega dei ticinesi

prev
Articolo Successivo

Rai, Grillo: “Creare una tv pubblica. Le altre due reti? Da vendere sul mercato”

next