Una cometa recentemente scoperta potrebbe colpire il pianeta Marte nel 2014. Secondo i modelli orbitali preliminari messi a punto dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) della Nasa, la cometa C/2013A1 potrebbe passare molto vicina al Pianeta Rosso il 18 ottobre del 2014. 

Si pensa che la cometa, scoperta il 3 gennaio da Robert McNaught del Siding Spring Observatory del New South Wales, Australia, sia originaria della Nebulosa di Oort, un’ipotetica regione che circonda il sistema solare e che contiene innumerevoli miliardi di nuclei cometari che risalgono ai primordi del sistema solare. Secondo i calcoli della Nasa, la cometa probabilmente passerà a circa 90 mila chilometri dalla superficie di Marte e non è certo che possa avere un impatto con il pianeta, mettendo a rischio, eventualmente, Curiosity e Opportunity.

Intanto manca poco, meteo permettendo, all’inizio della ‘sfilata’ delle comete: ben quattro sono previste nel 2013. Ad inaugurare la ‘passerella’ è Panstarrs che farà capolino nei cieli fra il 9 e il 10 marzo. Cruciale per Panstarrs sarà il passaggio vicino al Sole: se la nostra stella non la indebolirà, la cometa sarà visibile a occhio nudo. Si affaccerà nei cieli del nostro emisfero probabilmente il giorno prima del suo passaggio al perielio, ossia la minima distanza dal Sole, prevista per il 10 marzo, ma è già visibile nei cieli australi. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bosone di Higgs, Cern conferma scoperta: “Ora capire espansione universo”

prev
Articolo Successivo

Conclave 2013, Cnr: “Un modello matematico per gestire la folla”

next