“Brunetta ha detto che, se fossi andato, avrebbe lasciato lo studio”. Gianni Barbacetto, collega del Fatto Quotidiano, era uno degli ospiti della puntata di oggi di Coffee break su La7. Ma, come scrive su twitter, è stato “escluso all’ultimo momento perché un certo Brunetta non mi vuole”.

Lo staff della trasmissione, in onda tutti i giorni dalle 9.50 alle 11.20 e condotto da Tiziana Panella, ha avvertito il cronista mentre si stava avviando verso gli studi. “Ero in taxi. Stavo arrivando per la diretta quando pochi minuti prima mi hanno chiamato dicendo che l’ex ministro non voleva che partecipassi. Erano costernati”. Ma se fosse andato cosa avrebbe fatto Brunetta? “Se ne sarebbe andato”. In studio, dunque, c’erano solo Enrico Vaime e Vittorio Zucconi.

Non è la prima volta, però, che Barbacetto risulta essere non essere “gradito” ai politici in tv. A gennaio era stato escluso a un dibattito su Telelombardia, dove, dagli studi di Iceberg, Berlusconi avrebbe risposto alle domande di cinque giornalisti. La scusa formale fornita da Paolo Bonaiuti, addetto stampa dell’ex premier, era che fra i due ci sarebbero state “alcune cause in corso”, ma il collega del Fatto Quotidiano aveva smentito: “Nessuna pendenza legale con lui”. E si era rivolto al Cavaliere: “Di cosa avrai mai paura? Ti avrei chiesto della tua ridiscesa in campo, dei tuoi processi e delle tue condanne, domande che ogni collega ti avrebbe fatto”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrara insulta i neoeletti 5 stelle su Twitter

prev
Articolo Successivo

Ilfattoquotidiano.it, la terza homepage più letta fra i quotidiani generalisti

next