Garrincha Dischi omaggia il concittadino Lucio Dalla in occasione di quello che sarebbe stato il suo 70esimo compleanno, dedicandogli una rivisitazione in chiave dub, reggae e afro del disco ‘ Come è profondo il mare’ , storico disco del 1977, prodotto da Renzo Cremonini, la consacrazione del Dalla solista, con alle chitarre Ron e Jimmy Villotti.

Un regalo di compleanno e una dichiarazione d’amore per l’artista, bolognese come Garricha Dischi, e per questo album in particolare.  ‘Come è profondo il mare’ è l’ottavo disco di Lucio Dalla, ma primo album in cui l’artista è anche autore dei propri testi, che compongono un disco splendido, pop nel senso più pro-fondo della parola e contemporaneamente molto complesso. Testi che si prestano facilmente a un immaginario di libertà, oggi come ieri.

Come già accaduto per altri lavori corali dell’etichetta bolognese (le compilation Il Natale non è reale, Cantanovanta e Calendisco) anche per questo progetto Garrincha Dischi ha riunito alcuni dei propri artisti e altri amici, ma, a differenza delle altre occasioni, questi sono confluiti in un collettivo ad hoc: Garrincha Star All-Stars, una grande band che comprende artisti della label (Matteo Costa & the nanny nanny’s, Lo Stato Sociale, 33ore, Chewingum, L’officina della camomilla e Magellano) ma anche molti ospiti ed amici: The Bank, Nicolò Carnesi, Enrico Farnedi, Ofeliadorme e Basterd Keaton.

Garrincha Star All Stars prende ispirazione da un’esperienza molto simile, quella dei newyorkesi Easy Star All-Stars e dell’etichetta Easy Star Records, famosi per la rilettura in chiave reggae/dub di pietre miliari della storia della musica quali “the Dub Side of The Moon”.

Il disco uscirà in digitale il 4 marzo 2013, il giorno in cui Lucio avrebbe compiuto 70 anni. La versione fisica, la cui uscita è ancora da definirsi, conterrà oltre alle 8 tracce anche 4 dub version di altrettante importanti firme.

Questa la scaletta del disco. Lato A: Come è profondo il mare feat. 33ore; Treno a vela feat. Matteo Costa; Il cucciolo Alfredo feat. Enrico Farnedi; Corso Buenos Aires feat. Chewingum. Lato B: Disperato erotico stomp feat. Nicolò Carnesi; Quale allegria feat. Lo Stato Sociale; …E non andar più via feat. Basterd Keaton; Barcarola feat. L’officina della camomilla

“Com’è profondo il mare è un one drop oscuro, con atmosfera post apocalittica. Gli arrangiamenti scarni ed un reef caratterizzato dagli ottoni”, spiega l’etichetta bolognese in un comunicato, “L’interpretazione di 33ore è tanto fedele all’originale quanto intensa. Treno a Vela mantiene la solarità della versione originale e corre come un treno sul levare di chitarra, organo trombe e sassofoni. Il cucciolo Alfredo per l’occasione viene rivista in chiave afro cubana, con tanto di orchestrazione di fiati e cadenza morriconiana da poliziottesco italiano anni 70. L’interpretazione di Farnedi poi è qualcosa di inedito ed inatteso, fresco e disincantato”.

“Corso Buenos Aires nella versione dei Chewingum dona epicità al racconto”, proseguono, “trasportandolo interamente in scala minore, su ritmo stepper ed ambientazione arabeggiante e moderna. Con Disperato Erotico Stomp siamo in territori rocksteady, quelli cari a Giuliano Palma per intenderci. Nicolò Carnesi, con la sua cadenza palermitana sposta il brano a sud dandogli una nuova vita. Quale Allegria è data in pasto a quei matti de Lo Stato Sociale che ne fanno un one drop estivo, da cantare in riva alla spiaggia con una allegra malinconia a fargli da cornice”.

“…E non andar più via perde la drammaticità della versione originale, si fa cadenzata e si trasforma in un rocker beat con una splendida coda. Barcarola infine chiude il disco facendosi un opera in due atti. Il primo ambientato in Africa con tanto di cori black e la seconda ska grazie ad una base ondeggiante sulla quale si appoggia splendidamente la voce di Francesco De Leo de L’officina della camomilla”.

Per informazioni: http://www.garrinchadischi.it/ – Twitter: @garrinchadischi – 349 49 32 417 – 340 10 50 241

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

E’ morto Giuseppe Pederiali, romanziere d’avventura che amava gli animali

prev
Articolo Successivo

Lucio Dalla, il backstage tra ‘raccomandati’, tortellini e tanta malinconia

next