Già se li vedevano, tutti lì, pronti a scattare le prove che inchiodano la casta ai suoi vizi. Così, prima dell’arrivo di quei cento grillini assetati di vendetta, a Montecitorio hanno fatto sparire le targhe dove si leggeva: “Riservato agli onorevoli”. Via dagli ascensori, via dall’ufficio postale dove il deputato aveva diritto a superare la fila. Spiegano dall’ufficio stampa della Camera che la scelta di svitare i cartelli non ha niente a che vedere con i Cinque Stelle. L’ha deciso mesi fa, il collegio dei questori. Dopo aver alzato i prezzi di ristorante e barberia, ha pensato di levare anche le targhe, per dare al palazzo una nuova allure. Più democratico, senza privilegi. Meno casta, più grillini. Chissà se anche questo, per loro, sarà un piacere. 

Il Fatto Quotidiano, 27 febbraio 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, per il senatore Mantovani tre cene con 400 ospiti la sera del ‘silenzio’

prev
Articolo Successivo

“Codice di comportamento” per eletti M5S: divieto di alleanze e talk show

next