Già se li vedevano, tutti lì, pronti a scattare le prove che inchiodano la casta ai suoi vizi. Così, prima dell’arrivo di quei cento grillini assetati di vendetta, a Montecitorio hanno fatto sparire le targhe dove si leggeva: “Riservato agli onorevoli”. Via dagli ascensori, via dall’ufficio postale dove il deputato aveva diritto a superare la fila. Spiegano dall’ufficio stampa della Camera che la scelta di svitare i cartelli non ha niente a che vedere con i Cinque Stelle. L’ha deciso mesi fa, il collegio dei questori. Dopo aver alzato i prezzi di ristorante e barberia, ha pensato di levare anche le targhe, per dare al palazzo una nuova allure. Più democratico, senza privilegi. Meno casta, più grillini. Chissà se anche questo, per loro, sarà un piacere. 

Il Fatto Quotidiano, 27 febbraio 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, per il senatore Mantovani tre cene con 400 ospiti la sera del ‘silenzio’

next
Articolo Successivo

“Codice di comportamento” per eletti M5S: divieto di alleanze e talk show

next