L’Italia rischia di non portare avanti le riforme necessarie a ristabilire la crescita se dalle imminenti elezioni non emergerà una chiara maggioranza”. L’avvertimento è stato lanciato da un rapporto dell’agenzia Standard & Poor’s. “Crediamo nel rischio che, dopo le elezioni del 24 e del 25 febbraio, possano perdere slancio le importanti riforme necessarie a migliorare le prospettive di crescita in Italia”, afferma una nota dell’agenzia di rating americana.

“L’applicazione di misure tese a espandere le prospettive di crescita di medio termine dell’Italia dipende, dal nostro punto di vista, dalla forza del mandato del prossimo governo in entrambi i rami del Parlamento”, aggiunge Standard & Poor’s. L’agenzia ricorda poi come l’Italia abbia una tradizione di governi deboli e frammentati e sottolinea come i rischi per il profilo di credito del Paese siano legati più alla crescita che alla disciplina fiscale.

Standard & Poor’s non è l’unico istituto estero ad avere fatto previsioni sullo scenario italiano dopo le elezioni. Credit Suisse ha avvertito in un report diffuso nei giorni scorsi che una eventuale vittoria del centrodestra in entrambe le Camere sarebbe lo scenario peggiore per i mercati, sottolineando che lo schieramento di Silvio Berlusconi ha mostrato in campagna elettorale una posizione “anti-europeista e anti-Monti”. E l’italiana Mediobanca ha invece previsto a una settimana dal voto che il risultato delle elezioni politiche “sta diventando sempre più incerto” e lo scenario più verosimile è che “si tornerà presto alle urne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, Monti: “Merkel, no al Pd al governo”. Ma la cancelliera lo gela

next
Articolo Successivo

Silvia Enrico, ecco chi è la nuova leader di Fare per fermare il declino

next