L’Italia rischia di non portare avanti le riforme necessarie a ristabilire la crescita se dalle imminenti elezioni non emergerà una chiara maggioranza”. L’avvertimento è stato lanciato da un rapporto dell’agenzia Standard & Poor’s. “Crediamo nel rischio che, dopo le elezioni del 24 e del 25 febbraio, possano perdere slancio le importanti riforme necessarie a migliorare le prospettive di crescita in Italia”, afferma una nota dell’agenzia di rating americana.

“L’applicazione di misure tese a espandere le prospettive di crescita di medio termine dell’Italia dipende, dal nostro punto di vista, dalla forza del mandato del prossimo governo in entrambi i rami del Parlamento”, aggiunge Standard & Poor’s. L’agenzia ricorda poi come l’Italia abbia una tradizione di governi deboli e frammentati e sottolinea come i rischi per il profilo di credito del Paese siano legati più alla crescita che alla disciplina fiscale.

Standard & Poor’s non è l’unico istituto estero ad avere fatto previsioni sullo scenario italiano dopo le elezioni. Credit Suisse ha avvertito in un report diffuso nei giorni scorsi che una eventuale vittoria del centrodestra in entrambe le Camere sarebbe lo scenario peggiore per i mercati, sottolineando che lo schieramento di Silvio Berlusconi ha mostrato in campagna elettorale una posizione “anti-europeista e anti-Monti”. E l’italiana Mediobanca ha invece previsto a una settimana dal voto che il risultato delle elezioni politiche “sta diventando sempre più incerto” e lo scenario più verosimile è che “si tornerà presto alle urne”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2013, Monti: “Merkel, no al Pd al governo”. Ma la cancelliera lo gela

next
Articolo Successivo

Silvia Enrico, ecco chi è la nuova leader di Fare per fermare il declino

next