Il presidente venezuelano Hugo Chavez annuncia su Twitter il suo rientro in Venezuela dopo l’intervento di dicembre scorso e il ricovero per un cancro a Cuba: “Siamo tornati nella patria venezuelana. Grazie mio Dio! Grazie popolo amato! Qui continueremo le cure”.

“Grazie a Fidel, a Raul e a tutta Cuba!! Grazie al Venezuela per tanto amore”, scrive ancora Chavez in tweet successivi: “Sono legato a Cristo e confido nei miei medici e infermieri. Hasta la victoria siempre!! Vivremo e vinceremo!!!”. L’ultimo tweet del presidente – prima dei tre di oggi con cui ha annunciato il suo ritorno in Venezuela – risaliva al 1 novembre 2012.

Negli giorni scorsi il governo venezuelano aveva reso pubbliche delle foto di Chavez in cui il presidente appariva provato ma sorridente. Una scelta, quella di Caracas, dovuta alla volontà di spazzare le voci sulle condizioni di salute del leader, che negli ultimi tempi erano diventate incontrollate. Il mese scorso una falsa foto del presidente intubato aveva fatto il giro del mondo e aveva costretto il quotidiano spagnolo El Pais a scuse formali. Malato da tempo, Chavez era rientrato in patria l’anno scorso per partecipare alle elezioni, che lo avevano visto nuovamente vincitore. Dopo la rielezione il presidente era tornato a Cuba per sottoporsi a ulteriori cure: da quel momento le notizie sulle sue condizioni di salute erano state molto frammentarie. Le sue precarie condizioni gli avevano impedito di prestare giuramento come previsto il 10 gennaio, ma la Corte Suprema aveva “congelato” la cerimonia concedendogli tutto il tempo possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Australia riconosce le popolazioni native: “Gli aborigeni i primi abitanti”

prev
Articolo Successivo

La “brezhnevizzazione” di Hugo Chávez

next