La curcuma è quella spezia onnipresente nei piatti indiani; si presenta sotto forma di una polvere impalpabile, dal colore giallo oro e dal sapore complesso e caldo; attenzione perché, se vi macchia, diventa quasi indelebile: pensate che viene usata come colorante dalla notte dei tempi. Che vi piaccia o meno è indubbio che la curcuma faccia bene. Infatti, la curcuma contiene un fenolo chiamato curcumina (responsabile del bel colore giallo oro), il quale ha proprietà antiossidanti e antisettiche, oltre ad essere uno degli antinfiammatori naturali tra i più potenti. Seppure potrebbe sembrare che stiamo parlando di qualche sorta di farmaco, si tratta pur sempre di una spezia; peraltro facile da reperire e semplice da usare. Se ve la ritrovate nella dispensa di casa, non indugiate oltre: tiratela fuori e iniziate ad usarla cominciando da questa ricetta.

Ingredienti:

Un cosciotto di maiale; 50 g di yogurt bianco intero; 2 cipollotti; 2 foglie di alloro; 10 g di semi di finocchio; 10 g di semi di cardamomo; 50 g di zenzero fresco; un cucchiaino di curcuma; 4 peperoncini frigitelli; carote; sale; olio evo.

Preparazione:

Mettete nel mixer tutte le spezie, la polvere di curcuma, il sale, lo yogurt e un filo di olio. Frullate fin quando avrete ottenuto un composto omogeneo. Sistemate il maiale in una teglia rivestita con carta da forno, aggiungete le carote e i frigitelli tagliati a rondelle. Versate la salsa di yogurt speziata sul maiale e sulle verdure e lasciate marinare per circa 20 minuti a temperatura ambiente, coprendo la teglia con della pellicola trasparente.

Preriscaldate il forno a 180°C; trascorso il tempo della marinatura eliminate la pellicola trasparente e irrorate di olio evo. Infornate il maialino. Lasciate cuocere per circa 40 minuti. Servite il maialino accompagnandolo con le verdure e nappandolo con la salsa di yogurt. Buon appetito!

di Alessia Vicari

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Familink Travel, viaggi condivisi e low cost

prev
Articolo Successivo

Naturalmente vino

next