Robert Kennedy Jr. e il figlio Conor sono stati arrestati insieme ad altre decine di ambientalisti durante una manifestazione di disobbedienza civile davanti alla Casa Bianca. Si erano avvicinati alla residenza di Barack Obama per chiedere al presidente americano di dire no al controverso oleodotto Keystone XL, che dovrebbe trasportare il petrolio dalla regione canadese dell’Alberta fino alle coste texane del Golfo del Messico.

”La disobbedienza civile è l’unica risorsa contro un’impresa catastrofica e criminale che andrà ad arricchire poche persone, impoverendo il resto dell’umanità e minacciando il futuro della civiltà”, ha spiegato Robert Kennedy, avvocato ambientalista nipote dell’ex presidente John F. Kennedy, in un comunicato diffuso dalla sua organizzazione Waterkeeper Alliancè. Tra i circa 50 attivisti arrestati c’erano anche l’attrice Daryl Hannah, che si è ammanettata ai cancelli della residenza presidenziale per protesta, e il leader per i diritti civili Julian Bond.

Gli ambientalisti hanno bloccato una delle strade principali di fronte alla Casa Bianca e si sono rifiutati di spostarsi quando sono intervenuti gli agenti della polizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La mia India II, San Valentino al veleno

prev
Articolo Successivo

Spagna, corruzione al governo. La trasparenza è la chiave

next