Il Muccassasina, la serata gay che anima i venerdì della Capitale, ha scelto come icona dell’anno la giornalista del programma di Rai3 “Storie maledette”, Franca Leosini. Ieri la festa per consegnarle il premio. “Una donna di cultura e sensibilità, che riesce a cogliere il lato umano anche dei criminali più efferati”, sostengono i partecipanti. “Basta paillettes, icone pop e piume: puntiamo sulla normalità e la profondità delle persone“, afferma una drag queen. “La Leosini è la regina del noir, una donna elegante e di contenuto che si è spesa per i diritti degli omosessuali più di ogni altro quest’anno, parlando chiaro di adozioni e matrimonio per le coppie dello stesso sesso, deprecando gli orrori della Russia, dove è in pericolo il diritto di manifestare”, aggiunge Andrea Maccarrone del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli. Per l’occasione la Leosini ha indossato un elegante tailleur nero con luccicanti strass, ma in sintonia con lo spirito della serata ha aggiunto un boa di piume di struzzo. “Sono spiritosa e allegra anche se, forse a causa del mio lavoro, non sembra – dice ironicamente la giornalista – sono felice di questo invito, sono onorata di essere stata omaggiata, con un mazzo di fiori bellissimo, da queste persone gentili e di grande stile, atteggiamenti rari di questi tempi”. Ma sul suo essere icona gay, la Leosini non ha nessun dubbio: “Ho sempre saputo di esserlo. Un mio caro amico omosessuale ha una parete tappezzata di foto con corpi nudi maschili e al centro c’è la mia immagine. Non sembra, ma stasera qui sono a mio agio”. “Franca è una persone che va oltre le apparenze, dietro una festa, una maschera, un party come questo c’è lo scopo profondo di tutelare dei diritti e lei lo sa bene” afferma Angelo Pellegrino, il direttore artistico delle festa  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sfratto Peter Pan onlus, al diavolo la mediazione

prev
Articolo Successivo

Milano, inaugurata la Metro 5. La “Lilla” è a prova di passeggero disabile

next