Gli appassionati di ciclismo Graziano Gasparre se lo ricordano bene. Alla fine degli anni Novanta è uno dei più forti dilettanti in circolazione (fu anche 8° al Mondiale di Plouay, nel 2000). Passa professionista nel 2001 con la grande Mapei, poi, nel 2003, il salto definitivo fra i ‘grandi’: viene ingaggiato dalla De Nardi – Colpack, con cui arriva 15° alla Milano-Sanremo e corre anche due Giri d’Italia (cogliendo un settimo posto di tappa nel 2003).

E’ qui che inizia la sua esperienza da dopato: per debolezza personale, ma soprattutto per adeguarsi ad un sistema che non ti lascia troppa scelta (leggi l’intervista). I consigli poco disinteressati del dirigente, la voglia di mantenere la promessa che eri da juniores, la paura di rimanere senza contratto: troppo forte la tentazione di ricorrere ad un ‘aiutino’. “Tanto lo fanno tutti”, si diceva e gli dicevano. Due anni e passa fra epo e ormoni, cocaina e anfetamine; con un preparatore personale (indicatogli dalla squadra) che gli preparava la scheda del dopaggio come quella dell’allenamento. Nel 2005 una grave caduta (in cui riportò la frattura di due costole e una lesione del tendine del ginocchio destro) gli stroncò la carriera. Ma lo fece anche smettere col doping. Tornò in sella l’anno dopo con l’Amore & Vita: senza far ricorso a sostanze illecite ma senza più riuscire a emergere. Una vittoria di tappa alla Settimana ciclistica lombarda nel 2006, poi nessun risultato di rilievo, fino al ritiro nel 2009.

L’incubo, invece, è cominciato di recente. All’inizio era un semplice fastidio alla natica sinistra. Poi una protuberanza sempre più evidente e che lo ha portato a chiedere un consulto medico: gli è stata diagnosticata la presenza di una piccola formazione tumorale, da rimuovere chirurgicamente. E a Gasparre – che gli aveva chiesto se il doping assunto per anni avesse attinenza con la malattia – il professor Cesare Ghinelli (il chirurgo che lo ha operato) ha risposto così: “E’ possibile che l’azione meccanica ripetuta delle iniezioni intramuscolari, nonché le sostanze presenti nei farmaci iniettati (ad esempio sostanze oleose a lento riassorbimento, come il Testovis) abbiano stimolato il derma e causato la nascita di questa formazione”. Adesso, per fortuna, il pericolo sembra scongiurato. Ma la paura è stata grande. E dopo un pellegrinaggio a Medjugorje, Graziano ha deciso di raccontare tutta la verità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non solo Epo, l’ex ciclista racconta il doping: “Coca e anfetamine per reggere”

next
Articolo Successivo

Doping e droga, una confessione e molti collegamenti

next