Come è noto B. sa tutto delle gemelle De Vivo, ma nulla dei fratelli Cervi. Attribuirgli una consapevole opinione sul fascismo è ingiusto. Non ha mai letto un libro di storia, a parte quelli maneggiati per la tesi di laurea (che parlavano di investimenti pubblicitari) e quello patinato su se medesimo, “Una storia italiana”, che era anche quello un investimento pubblicitario. Pur non sapendo nulla sul fascismo, B. lo indossa con una sua naturale predisposizione, perfezionata lungo quella eterna risacca di bonarie opinioni che da una sessantina d’anni si infrange sulla riva dei bar all’ora dell’aperitivo, quando qualche anziano signore dice che con Mussolini i treni arrivavano in orario, che gli esiliati facevano i bagni a Ventotene e che il vero cattivo era Hitler.

Il fatto che anche da quelle idiozie dipendessero direttamente i campi di concentramento e cento altre tragedie, tra cui la guerra, neppure lo sfiora. Giacché lui sogna quello stesso potere, ma a fin di bene, chiamandolo consenso. Scandalizzandosi sinceramente dello scandalo, quando lo dice. E trattando gli italiani – ecco il suo vero crimine – come le ragazzine sceme che gli applaudono i dane’ e i bicipiti nei dopocena.

Il Fatto Quotidiano, 29 gennaio 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Mps, spot elettorali di Tremonti all’audizione di Grilli alla Camera

prev
Articolo Successivo

Berlusconi e le vere radici del fascismo

next