“Come ha potuto paragonare la sua piccola figura di magistrato a quella di Giovanni Falcone? Tra i due la distanza si misura in milioni di anni luce. Si vergogni”. Così il procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini ha risposto – con una replica affidata al Tg de La7 di Enrico Mentana – al paragone che Antonio Ingroia aveva sollevato due giorni fa, dopo l’inaugurazione dell’anno giudiziario. Mai vicini, spesso anzi su piani contrapposti, i due magistrati sono sempre stati diametralmente opposti nel rapporto con i media. Schiva lei, molto presente lui, al punto da attirare diverse critiche, sia nel suo ruolo di magistrato a Palermo che nella decisione di scendere in politica alla testa di Rivoluzione civile. Proprio le critiche alla scelta politica, pochi giorni fa, avevano spinto Ingroia alla replica e al paragone con il magistrato ucciso dalla mafia nel 1992.

“Le battute e le velate critiche espresse da alcuni magistrati – aveva detto Ingroia – per la mia decisione di candidarmi sono un copione che si ripete. Fu così anche per Giovanni Falcone. Ma a Pietro Grasso nessuno dice nulla: la cosa mi sorprende”. “L’unica spiegazione che posso dare – aveva aggiunto il leader di Rivoluzione civile – è che ho detto sempre quello che pensavo anche affrontando critiche, criticando a mia volta la magistratura associata e gli alti vertici della magistratura. E’ successo anche ad altri più importanti e autorevoli magistrati, a cominiciare da Giovanni Falcone. Forse non è un caso – aveva chiosato – che quando iniziò la sua attività di collaborazione con la politica le critiche peggiori giunsero dalla magistratura. E’ un copione che si ripete”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, affonda nave da crociera sul Nilo: 112 persone a bordo

next
Articolo Successivo

San Raffaele, al referendum vincono i ‘no’. Fuori 244 lavoratori

next