Il vicedirettore del Fatto Quotidiano passa in rassegna la la lista dei candidati “puliti” sguinzagliati dal Pdl: da Sciascia ad Angelucci a Verdini. Ma tra tutti, spicca proprio il leader maximo Berlusconi. Lo stesso Alfano che si era lasciato sfuggire la locuzione “partito degli onesti” si è quasi rovinato a vita. Tuttavia, anche il Pd, Sel e l’Udc non vantano tra le proprie fila vere mammolette

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le vignette di Vauro: da Berlusconi a Bersani

next
Articolo Successivo

Mps, Grillo accusa il Pd: “Sono i veri responsabili. Hanno spolpato la banca”

next