Gay non si nasce, ma è una scelta e quindi chi la pratica dovrebbe farsi curare“. Così, durante una lezione, un professore di religione del liceo Foscarini di Venezia. La frase è stata riportata da uno studente su Facebook ed è rimbalzata su Internet, scatenando la protesta dei ragazzi. “L’unica cosa da curare è l’omofobia” ha sottolineato la Rete degli studenti medi di Venezia-Mestre. “Ci sentiamo davvero delusi e fortemente indignati dalle parole di questo professore – spiega il coordinatore Alberto Irone – che, oltre ad essere insensate, trasudano un odio e un sentimento discriminatorio rispetto alle persone omosessuali e possono essere molto pericolose in quanto dette davanti a ragazzi in pieno sviluppo della propria sessualità che possono sentirsi quindi discriminati da queste parole”. Parole che giungono a due mesi di distanza dal suicidio del ragazzo romano di 15 anni che si è tolto la vita perché additato dai compagni come gay.

Rocco Fiano, preside della scuola, ha diffuso una nota in cui definisce le parole del docente “decisamente infelici” e “inaccettabili”. Il Liceo Foscarini è a Venezia “un luogo di formazione alla democrazia, al riconoscimento delle differenze, al pluralismo e questo vuole continuare ad essere -ha continuato – e sarebbe davvero un peccato che tutto questo venisse cancellato per le espressioni utilizzate da un singolo docente all’interno di una singola classe, che hanno polarizzato l’attenzione della stampa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Assistenza sessuale: il racconto di chi l’ha ricevuta

prev
Articolo Successivo

Giovane basco estradato dall’Italia, ma in Spagna ora rischia la tortura

next