I sindacati sono vecchi. Dunque, meglio eliminarli. E’ questa la ricetta di Beppe Grillo per uno “Stato con le palle”, come lui stesso lo definisce in un comizio a Brindisi. “Sono una struttura vecchia come i partiti – sostiene il leader del Movimento 5 stelle -, le aziende devono essere di chi lavora”.

Grillo ha poi ribadito le motivazioni della sua discesa in campo. “Potevo starmene a casa mia, ma non me la sentivo di fare il pensionato a 65 anni mentre il mondo va allo sfacelo. Non sono un leader, noi non siamo un partito con un leader e non sono candidato”. Brindisi è la prima tappa del tour elettorale di Grillo in Puglia. Appena arrivato in piazza Mercato, ha fatto allontanare i giornalisti che si erano raggruppati a ridosso del palco in un’area transennata e poi ha iniziato il suo comizio: “Molti si chiedono chi me lo fa fare, me lo fa fare un sogno“. “Se ci voterete in Parlamento – ha aggiunto – ci andranno molte donne, almeno il 55 per cento. Non saranno donne siliconate ma donne che crescono i loro figli”.

Secondo Grillo qualsiasi governo dovesse emergere dal dopo-elezioni “durerà sette-otto mesi” senza il Movimento 5 Stelle. “Se non andiamo noi al governo c’è il rischio che ci vadano gli estremisti di destra o di sinistra, noi andiamo con una penna a fare la nostra rivoluzione”. E ha ribadito la diversità del Movimento rispetto agli schieramenti tradizionali: “Noi vogliamo la democrazia, non abbiamo idee né di destra né di sinistra ma idee e basta”.

Il comico genovese ha detto la sua anche sulla situazione di tensione in Africa: “Io voglio decidere attraverso un referendum per dire sì o no al Mali, è questa la via. Perché poi arrivano le ritorsioni e ci mettono a rischio di attentati”. “Stiamo di nuovo entrando per missioni di pace in guerra – ha aggiunto -, siamo un impianto logistico per i francesi che bombardano il Mali. Noi abbiamo l’articolo 11 della Costituzione che ci impedisce di fare questa cosa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monti: “Basta nepotismi”, ma dimentica l’Udc. E chiude i commenti su YouTube

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, don Merola: “Ho detto ‘no’ al Pdl perché presenta sempre i soliti”

next