Disoccupazione record a novembre nei paesi dell’area euro. Secondo quanto rilevato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, infatti, il tasso di senza lavoro ha toccato l’11, 8% (+0,1 punti percentuali), con una crescita ininterrotta da giugno 2011. Nel complesso, invece, il livello di disoccupati nei Paesi Ocse a novembre 2012 è rimasto fermo all’8%, lo stesso livello di ottobre: si tratta di 48,2 milioni di persone senza lavoro, 13,5 milioni in più rispetto a luglio 2008.

In Italia, invece, la quota dei disoccupati è rimasta stabile all’11,1 per cento. Quello che risalta è una disoccupazione giovanile particolarmente elevata, superiore cioè al 30% e ancora in crescita: a novembre è salita al 37,1% (dal 36,5% di ottobre, livello ben superiore al 24,4% dell’area euro) . Sempre a novembre, i senza lavoro sono invece calati di 0,1 punti negli Usa (al 7,8%) e in Giappone (al 4,1%) e di 0,2 punti in Canada (al 7,2%).

L’Ocse ricorda poi che le tendenze della disoccupazione hanno mostrato andamenti differenti dall’inizio della crisi per i diversi gruppi di popolazione. Sempre a novembre il tasso di disoccupazione per gli uomini è stato di 0,9 punti percentuali sotto il picco dell’8,9% raggiunto nel 2009, mentre per le donne la quota delle senza lavoro si è mantenuta ancorata all’8% da luglio 2009.

In Italia, in particolare, la disoccupazione femminile si è leggermente ridimensionata, passando dal 12,1 al 12%, mentre quella maschile è aumentata dal 10,4 al 10,6%. Quanto ai giovani, il tasso dei senza lavoro (37,1%) è stato di 1 punto percentuale inferiore al suo massimo, pur rimanendo 3,3 punti percentuali superiore ai livelli pre-crisi ed è risultato circa due volte più alto (al 16,3%) rispetto al tasso complessivo di disoccupazione. La disoccupazione giovanile ha raggiunto un picco del 24,4% nell’area euro ed è stato superiore al 30% in Italia (37,1%), Portogallo (38,7%), Repubblica Slovacca (35,8%) e Spagna (56,5%).

Mentre la disoccupazione sale, l’inflazione rimane stabile. Nell’eurozona a dicembre si è attestata intorno al 2,2% come a novembre, secondo quanto riferito da Eurostat. Nel 2011 era al 2,7%. Nell’Ue il tasso annuale è sceso al 2,3% dal 2,4% del mese precedente, mentre a dicembre 2011 era al 3%. In Italia l’inflazione è stata del 2,6%, invariata rispetto a novembre, mentre un anno prima era al 3,7%. I prezzi sono aumentati di più in Ungheria (5,1%), Romania (4,6%) e Estonia (3,6%), e di meno in Grecia (0,3%), Svezia (1,1%), Francia e Cipro (1,5%).

A dicembre in Germania l’inflazione è stata del 2% (in lieve aumento rispetto all’1,9% di novembre), in Olanda del 3,4% (dal 3,2% del mese precedente), in Finlandia del 3,5% (contro il 3,2%), mentre in Spagna è rimasta stabile al 3% e in Portogallo è passata dall’1,9% al 2,1%. A pesare di più alcol e tabacco (3,6%), il settore abitativo (3,4%), l’alimentare e l’educazione (3,0%). A pesare di meno, invece, i prezzi di telecomunicazioni (-3,8%), elettrodomestici (1,0%) e tempo libero e cultura (1,2%).

E intanto da Strasburgo il presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso, ha dichiarato che in Europa “nonostante le difficoltà attuali, la media del rapporto debito/Pil è dell’82,5%, contro il 103% degli Stati Uniti e il quasi 230% del Giappone” e, ha aggiunto, “a differenza di altri paesi industrializzati, l’Unione europea ha mantenuto le sue quote nel mercato mondiale”. Barroso ha quindi invitato i governi europei “a smetterla con la retorica” e a “sostenere le misure” proposte dalla Commissione europea e trovare dunque un accordo, “possibilmente a inizio febbraio”, sul bilancio Ue pluriennale 2014-20 che “è lo strumento per la crescita è l’occupazione”.

La dichiarazione è arrivata a stretto giro dalle ultime stime della Banca Mondiale che prevede che il pil dell’area euro si contrarrà nel 2013 dello 0,1% e si dice preoccupata anche per l’incertezza sulle finanze pubbliche degli Stati Uniti. “Per i paesi in via di sviluppo niente è più importante che un’economia americana stabile”, afferma l’istituto, sottolineando che per le economie avanzate “la riduzione del deficit e del debito, il tasso di disoccupazione elevato e la debole fiducia continueranno a pesare sull’economia nel 2013”.

In generale, secondo le previsioni aggiornate nella notte tra martedì 15 e mercoledì 16,  le stime di crescita dell’economia mondiale per il 2013 sono a +2,4% contro il +3% precedentemente previsto. In particolare, le economia avanzate cresceranno dell’1,3%, meno dell’1,9% stimato in precedenza, mentre quelle emergenti avanzeranno del 5,5% contro il 5,9% precedentemente previsto.

La Banca Mondiale mette in guardia anche le economie emergenti, motore dell’economia mondiale. L’espansione economica – afferma – non è garantita: “per continuare a crescere rapidamente, i Paesi in via di sviluppo devono mantenere lo slancio di riforme che ha sostenuto l’accelerazione della loro crescita fra il 1990 e il 2000”. Quest’anno il pil cinese è previsto in crescita dell’8,4% dopo essere sceso sotto l’8% nel 2012. L’economia del Brasile dovrebbe invece espandersi del 3,4 per cento.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monti come Schröder? Entrambi ignorano destra e sinistra

next
Articolo Successivo

Agenzie di rating, via libera ai nuovi paletti comunitari

next