Condannati a due anni di reclusione con pena sospesa. Si tratta dei prefetti Paolino Maddaloni e Maria Elena Stasi, attuale deputata Pdl. La pena è stata comminata dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) per turbativa d’asta relativa alle funzioni da loro svolte in qualità di commissario e subcommissario prefettizio al Comune di Caserta. A entrambi sono stati inflitti due anni di reclusione, oltre al pagamento di 1.200 euro di multa, due anni di interdizione dai pubblici uffici e un anno di divieto a contrattare con la pubblica amministrazione.

Secondo le accuse formulate al termine dell’inchiesta coordinata dai pm Antonello Ardituro e Marco Del Gaudio, Stasi e Maddaloni avrebbero aiutato l’ex consigliere regionale della Campania, Nicola Ferraro (Udeur), ritenuto legato al clan dei Casalesi e già condannato al termine del processo con rito abbreviato, ad aggiudicarsi l’appalto per l’installazione delle centraline per analizzare la qualità dell’aria in città.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassazione riapre causa civile risparmiatori – ministero Industria per crac Sgarlata

next
Articolo Successivo

La confessione di Geronzi non basta per garantirgli l’assoluzione

next