Se qualcuno cercava l’autore della lettera-arringa che Silvio Berlusconi ha letto durante la trasmissione “Servizio Pubblico” che ha fatto infuriare Michele Santoro eccolo qui. L’ispiratore, lo scrive in prima pagina sul quotidiano Libero e lo confessa alla trasmissione radiofonica “La Zanzara” su Radio24. Filippo Facci racconta anche di aver fatto lo stesso con il presidente dell’Italia dei Valori: “E’ una richiesta che mi era già venuta altre dieci o quindici volte per colleghi che dovevano incontrare Travaglio in tv e l’ho fatto anche su Di Pietro. La parte sulle sue condanne presente su Wikipedia l’ho scritta io –  spiega -. Diciamo che l’80% della lettera è farina del mio sacco, tranne l’introduzione e la parte su Montanelli che è una palese cazzata“. E sull’ex premier sentenzia: “Berlusconi leggeva una cosa di cui non capiva neanche il significato. Ma per la sua performance a “Servizio Pubblico” gli darei 8 come voto. Tutti gli altri sembravano cotti, impreparatissimi e molli”. 

Sulle pagine del quotidiano diretto da Maurizio Belpietro il giornalista poi ironizza: “Non è colpa mia. La letterina di Berlusconi a Marco Travaglio è la riproposizione testuale e parziale di una scheda scritta da me e, a sua volta, tratta dai miei articoli pubblicati qui”. Il giornalista spiega, nel suo “Appunto”, di essersi “limitato a spedire la scheda a un collega che non citerò, ma ripeto è tutto già pubblicato su Libero: fa eccezione solo la breve parte su Montanelli (quando il Cavaliere ha accusato Travaglio di aver causato la ‘ grande diffidenza’ di Montanelli nei suoi confronti ), di cui nulla so”. Il documento, in risposta al secondo intervento del vice direttore del Fatto Quotidiano, però è stato preparato dal pool del Mattinale – la rassegna stampa che viene preparata ogni mattina a Palazzo Grazioli sotto la supervisione di Paolo Bonaiuti, portavoce del Cavaliere. Sulle pagine di Libero Facci conclude il suo ‘Appunto’ così: “Ribadisco che io della lettera, in sé, non ho colpa. Ho un solo merito. Travaglio copia dai magistrati. Berlusconi – o chi per lui – copia dai giornalisti. E’ un progresso”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio pubblico, la rivincita

prev
Articolo Successivo

“Bersani vuole sfuggire al confronto tv”. Berlusconi e la strategia adottata dal ’96

next