I 5 Stelle presentano il simbolo al Viminale e candidano proprio il comico blogger, e leader di riferimento del Movimento, “a governare la Repubblica italiana“. Un atto dovuto perché, contestualmente al deposito del contrassegno, come previsto dalla legge, deve essere indicato anche il nome e cognome del “capo della forza politica”. E già nei giorni scorsi il nome del comico era il più accreditato. Ecco i punti del programma 5 Stelle:

1) abolizione delle Province;
2) abolizione dei rimborsi elettorali;
3) esame obbligatorio sulla Costituzione per ogni rappresentante pubblico;
4) riduzione a due mandati per ogni carica pubblica;
5) eliminazione delle pensioni privilegiate per i parlamentari;
6) stipendio dei parlamentari allineato alla media degli stipendi nazionali;
7) abolizione dell’Authority;
8) referendum sia abrogativi sia propositivi senza quorum;
9) norme più stringenti per risparmiare sul riscaldamento degli edifici e sugli elettrodomestici;
10) incentivazione della produzione di biocombustibili;
11) incentivazione della produzione di energia termica con fonti rinnovabili.

Il programma prosegue con:

12) eliminazione dei contributi pubblici alle testate giornalistiche;
13) nessuno potrà essere proprietario di più del 10% di un canale televisivo;
14) asta pubblica ogni cinque anni per le frequenze televisive;
15) nessuno potrà essere proprietario di più del 10% di un quotidiano;
16) abolizione dell’Ordine dei giornalisti;
17) vendita ad azionariato diffuso, con proprietà massima del 10%, di due canali tv pubblici;
18) un solo canale tv pubblico senza pubblicità, indipendente dai partiti;
19) abolizione della Legge Gasparri;
20) statalizzazione della dorsale telefonica, con il suo riacquisto a prezzo di costo da Telecom Italia;
20) copertura completa dell’adsl a livello nazionale;
21) eliminazione del canone telefonico per l’allacciamento alla rete fissa;
22) tetto nazionale massimo del 5% per le società di raccolta pubblicitaria facenti capo a un singolo soggetto economico privato;
23) divieto della partecipazione azionaria da parte delle banche e di enti pubblici a società editoriali;
24) abolizione delle scatole cinesi in Borsa;
25) introduzione della class action;
26) abolizione della Legge Biagi;
27) impedire lo smantellamento delle industrie alimentari e manifatturiere con un prevalente mercato interno;
28) vietare gli incroci azionari tra sistema bancario e sistema industriale;
29) impedire l’acquisto prevalente a debito di una società (ad esempio Telecom Italia);
30) abolizione dei monopoli di fatto;
31) allineamento delle tariffe di energia, connettività, telefonia, elettricità, trasporti agli altri Paesi europei.

E ancora il Movimento 5 Stelle si prefigge di realizzare:

32) riduzione del debito pubblico con il taglio degli sprechi;
33) sussidio di disoccupazione garantito;
34) disincentivo dell’uso dei mezzi privati motorizzati nelle città;
35) sviluppo delle piste ciclabili;
36) blocco immediato della Tav in Val di Susa;
37) sviluppo delle tratte ferroviarie legate al pendolarismo;
38) copertura dell’intero Paese con la banda larga;
39) corsie riservate per i mezzi pubblici nelle aree urbane;
40) ticket sanitari proporzionali al reddito per le prestazioni non essenziali;
41) prescrizione medica dei principi attivi invece delle marche dei farmaci;
42) separare le carriere dei medici pubblici e privati;
43) incentivare la permanenza dei medici nel pubblico;
44) proibire gli incentivi economici agli informatori scientifici sulle vendite dei farmaci;
45) liste di attesa pubbliche e on line;
46) utilizzo degli oppiacei come la morfina contro il dolore;
47) finanziare la ricerca indipendente attingendo ai fondi destinati alla ricerca militare;
48) eliminare gli inceneritori;
49) abolizione della Legge Gelmini;
50) graduale abolizione dei libri di scuola stampati rendendoli accessibili via Internet;
51) insegnamento obbligatorio della lingua inglese dall’asilo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, ha ancora senso votare “contro”?

prev
Articolo Successivo

Dossier Crisafulli: “Così pilota gli appalti e minaccia gli onesti”

next