Neanche Grillo ha fatto mai qualcosa del genere!”. Nel quartier generale della lista civica per Mario Monti, l’euforia è alle stelle. Dicono che in due giorni 12mila persone hanno cliccato su peragendamonti.it, che ci sono già 200 proposte, 300 commenti e 600 voti. E la campagna elettorale su Internet è appena cominciata.

A GRILLO non è venuto in mente, a Berlusconi invece sì. Ma i suoi ‘promotori della libertà’, il salto di carriera potevano farlo solo a campagna elettorale finita. Qui invece la corsa parte da lontano. Si inizia come “Testimoni“, si diventa “Artefici“, si può arrivare a diventare “Alfieri” e perfino “Portabandiera“. È questa la trafila per diventare paladino della “montietà”: da uomo senza bocca e con le mani legate “stufo di stare a guardare” fino alla salita in politica: “Libera le tue energie”.

Funziona così. Chi vuole contribuire alla nascita della ‘Terza Repubblica’ si iscrive al sito: nome, cognome, e-mail. Basta questo per diventare un “Testimone”, che potrà votare e commentare le proposte altrui. L’obiettivo però è partecipare o, come dicono loro, “metterci le mani e la testa”. Si fa in fretta: alla prima proposta si è già “Artefice”. Se poi quella proposta la leggono in 200 e viene votata da 50, l’insegna cambia: “Alfiere”. Giusto per impratichirsi con le questioni future, anche fondare un gruppo e trovare 20 persone vale lo stesso titolo. Come alla Camera. Tanti piccoli capigruppo crescono: gli “Alfieri” hanno già il potere di “organizzare eventi e incontri sul territorio”. Per adesso, a spese loro. Ma quelli sono solo incontri informali. Gli eventi ufficiali possono intestarseli solo i “Portabandiera”. E per diventarlo, bisogna che la propria proposta venga letta da almeno 500 persone e votata da 251. Se si fonda un gruppo servono 100 adesioni. Se si fa un incontro devo partecipare almeno in 200.

DIETRO la campagna ci sono Stefano Ceci, Andrea Romano e Carlo Toscan, tutti e tre della montezemoliana Italia Futura. Hanno registrato tutte le declinazioni possibili dell’agenda del professore (a parte il più semplice agendamonti.it, che si è aggiudicato Aldo Torchiaro, portavoce di Oscar Giannino e di “Fermare il declino”). E mentre il sito ufficiale del premier (www.agenda-monti.it  by Betty Olivi) funziona come vetrina, piuttosto scarna, dei discorsi di super Mario, qui l’interazione è al primo punto. Via Twitter Monti ha avvertito i giornalisti della conferenza stampa in cui ha annunciato la candidatura. Con questo nuovo sito comincia ad assemblare la rete che potrebbe riportarlo a palazzo Chigi.

Prima però, i paladini della montietà devono vedersela con la raccolta firme per presentare liste alla Camera. Ne servono solo 30mila ma il tempo è pochissimo. Per questo su puoicontarci.org sono partite le “pre-firme”: si dà la propria disponibilità a firmare e poi si viene avvertiti su dov’è il banchetto più vicino.

Monti nel frattempo si allena a a fare il candidato. Stamattina è ospite di Radio anch’io, ieri invece ha diffuso i dati dell’analisi di un anno di governo: dallo spread ai tagli ai costi della politica, tutto quello che i tecnici hanno fatto o avrebbero voluto fare se non ci fosse stata la politica a mettersi di traverso. Ma ormai il muro è saltato. E Monti è nel mirino come gli altri. “Ha trasformato l’ufficio stampa di palazzo Chigi nell’ufficio propaganda della sua campagna elettorale”, lo accusa la Pdl Annamaria Bernini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napolitano: “No a giudizi di parte”. E su candidatura Monti: “Libera scelta”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Lombardia, Monti appoggia la candidatura di Albertini al Pirellone

next