“L’attività di pochi mesi del governo, anche per l’attività attuativa, dimostra che il possibile è stato fatto e che ancora molto si può fare nei restanti mesi”. Il governo Monti si autocelebra ed entra ufficialmente in campagna elettorale. Con una nota da palazzo Chigi, infatti, l’esecutivo dei tecnici elenca “l’attività di riforma svolta dal governo Monti” puntualizzando tutti i “successi”:  “I lavori iniziati – viene sottolineato – saranno completati da questo governo e, se non sarà possibile, costituiranno base di attività del prossimo”.

“Tra dicembre 2011 e agosto 2012 sono state adottate sette manovre legislative, costituite da quasi 3mila disposizioni. La maggioranza di esse (circa l’80%) è “auto-esecutiva”, cioè è già effettiva e sufficientemente disciplinata, e non richiede ulteriori norme per produrre effetti – si legge nel testo autocelebrativo – Alcuni esempi sono la riforma delle pensioni, l’Imu, la tracciabilità del contante, la tassa sul lusso e le misure anti-evasione“. “In materia di concorrenza e liberalizzazione, si pensi alla eliminazione delle tariffe professionali, al tribunale delle imprese, ai prezzi dei farmaci, ai farmaci generici, all’estensione alle microimprese della disciplina del codice del consumo per le pratiche commerciali scorrette. In tema di incentivazioni, infine, si pensi al bonus ristrutturazioni”.

“Con riguardo all’esigenza dei tagli – si legge ancora – si segnala la riduzione delle dotazioni organiche delle Forze Armate e la riduzione dei compensi di amministratori di società e enti pubblici e di trattamenti economici. In materia fiscale e di entrate tributarie, sono stati adottati i decreti sulle dichiarazioni Imu, sulle tassazioni su aerei, barche e auto di lusso, sui conti correnti, sui beni detenuti all’estero. In materia di sviluppo e infrastrutture, è stato adottato il provvedimento sul rating di legalità delle imprese, con il decisivo coinvolgimento dell’Antitrust. Di interesse per cittadini e imprese – continua il testo – è anche il provvedimento riguardante la separazione Snam da Eni, i cui effetti a medio e lungo termine dovrebbero portare benefici a favore dei consumatori. Sono stati adottati i decreti per favorire le piccole e medie imprese (concessioni in garanzia, accantonamento minimo come coefficiente di rischio, etc.)”.

Tra le norme ancora da varare, il decreto sulle sponsorizzazioni dei restauri, particolarmente atteso per i lavori sul Colosseo, e la norma attuativa dell’Isee, che ha subito un arresto dopo una sentenza della Corte Costituzionale. Le bozze sono pronte, ma devono ricevere numerosi pareri. “L’importante provvedimento sull’Isee (situazione economica equivalente), che era in stato di avanzata adozione – spiega poi la nota – ha subito un arresto a seguito della sentenza del 19 dicembre della Corte costituzionale, che richiede la sottoposizione alla previa intesa della Conferenza unificata, a tutela delle prerogative regionali; è già stato acquisito il parere della Sezione normativa del Consiglio di Stato e il governo sta valutando come intervenire sul punto individuato dalla Corte Costituzionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pecorella: “Con voto su Ruby toccato il fondo”, ex legale di Berlusconi con Monti

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Commissione d’inchiesta chiarisca il ruolo di Napolitano”

next