”Insieme abbiamo salvato l’Italia dal disastro. Ora va rinnovata la politica. Lamentarsi non serve, spendersi sì. ‘Saliamo’ in politca”. E’ l’augurio di Mario Monti, diffuso a tarda sera a Natale su Twitter, in un profilo appena inaugurato

Nella giornata di festa, il presidente del consiglio uscente ha telefonato a numerosi esponenti della politica e delle istituzioni: al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e ai leader politici. Tra questi, Silvio Berlusconi, Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini. Al capo dello Stato, Monti ha espresso “profonda riconoscenza per l’alta guida morale e istituzionale”. Ai leader politici, ha manifestato “apprezzamento per l’impulso” impresso all’attività del Parlamento in questo periodo “di emergenza nazionale”. Monti ha sentito anche Gianni Letta.

“Il presidente Monti”, si legge in una nota di palazzo Chigi, “ha poi telefonato ai presidenti del Senato, Renato Schifani e della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, ai quali ha porto gli auguri insieme con il grande apprezzamento per l’impulso che hanno impresso per tutto l’anno all’attività del Parlamento, in sinergia con l’opera del Governo in questo periodo di emergenza nazionale”.

Il giorno di natale non ha fermato lo scontro politico: ”Speriamo che nel 2013 gli italiani non ricadano negli inganni riproposti in questi giorni da Berlusconi”, dice Pier Ferdinando Casini in un videomessaggio su Youtube, ma nemmeno “nella tentazione opposta” di una “coalizione troppo ‘sinistra’, con Vendola e le sue ricette ideologiche che pensavamo confinate nel passato”. Il leader dell’Udc conferma l’appoggio all’Agenda Monti: “C’è un lavoro iniziato, ci sono i sacrifici che gli italiani hanno fatto: non disperdiamo tutto questo. C’è ancora molto da lavorare, continuiamo il lavoro nell’anno prossimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Monti si candida a premier ignorando il voto del popolo

next
Articolo Successivo

Almeno sette motivi per sostenere Ingroia

next