Il Papa ha concesso la grazia a Paolo Gabriele, l’ex assistente di camera del Pontefice condannato a un anno e sei mesi per furto aggravato con l’accusa di aver trafugato documenti riservati dall’appartamento del Papa. La notizia è stata data da padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede. Gabriele era in carcere, all’interno del Vaticano, dallo scorso 25 ottobre quando la sentenza di condanna era diventata definitiva al termine del processo. 

Benedetto XVI ha visitato in mattinata l’ex maggiordomo nella caserma della gendarmeria, ha colloquiato con lui per una quindicina di minuti e gli ha confermato il suo perdono e la intenzione di concedergli la grazia. Una visita che , dice Lombardi, “ci ha fatto tornare a mente la visita di Giovanni Paolo II a Alì Agca“. Il portavoce ha precisato che, dopo la scarcerazione, Gabriele non potrà più lavorare per la Santa Sede né risiedere in Vaticano. “Benché non possa riprendere il precedente lavoro e continuare a risiedere in Vaticano, la Santa Sede, confidando nella sincerità del ravvedimento manifestato, intende offrirgli la possibilità di riprendere con serenità la vita insieme alla sua famiglia”.

Benedetto XVI ha firmato la grazia anche per Claudio Sciarpelletti, il tecnico informatico condannato per favoreggiamento nell’ambito dell’inchiesta Vatileaks. Sciarpelletti ha ripreso il lavoro da alcune settimane ma anche per lui si aprirà un provvedimento in vista della grazia: non serviva la scarcerazione perché la sua pena era sospesa con la condizionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marò, Latorre e Girone sono a Roma: nel pomeriggio vedranno Napolitano

prev
Articolo Successivo

Vatileaks, Benedetto XVI perdona Paolo Gabriele

next