La prospettiva di una candidatura di Antonio Ingroia si fa sempre più concreta, specie dopo la richiesta di aspettativa avanzata dal magistrato al Csm. E mentre si moltiplicano le reazioni di potenziali avversari e alleati, su tutti Luigi de Magistris, ci si chiede se la scelta dell’ex procuratore di Palermo sia opportuna. Di seguito le opinioni di due giornalisti del Fatto Quotidiano, Oliviero Beha e Marco Lillo.

Beha: “E’ l’uomo giusto per la nuova resistenza”

In altri tempi sottoscriverei per intero il fondo di ieri del Direttore su Ingroia, “meglio magistrato che politico”. Esattamente per i motivi indicati da Padellaro, troppo ovvi e sensati per doverli ripetere. Magari aggiungendo che un Ingroia che non cambia pelle sarebbe una buona notizia in un Paese camaleontico in cui spesso i magistrati in politica hanno fatto danni scomponendo l’idea stessa del giudice che segue una legge uguale per tutti. La politica è roba di parte e di partito, dunque per certi versi proprio l’opposto. Ma i tempi sono questi, e con questi dobbiamo fare i conti. Siamo ancora ben dentro una stagione di “pace incivile” in un Paese più stravolto che nel secondo dopoguerra. Se Ingroia intende rappresentare una resistenza al degrado e al disonore come ha fatto da magistrato specie nell’ultimo clamoroso caso del negoziato “Stato-mafia” e insieme un nuovo inizio, bé, mi si dimostri che c’è in giro di meglio e solo allora converrò con il Direttore. Questo in via di principio. Andando alla sostanza politico-elettorale della questione, per cui il nascente o neonato Quarto Polo sub specie arancione rischierebbe un autentico flop elettorale con le conseguenze immaginabili per Ingroia e coloro che gli stanno vicino, qui il discorso è ancora più semplice: costruire in poche settimane una base elettorale resistenziale e innovativa è certamente un’impresa, ma guardandosi attorno è forse l’unica impresa politica degna di nota in tempi così grami. Quindi capitalizzare la stima e le firme per il magistrato senza macchia e senza paura che non ha guardato in faccia nessuno, dal Colle in giù, in chiave elettorale dovrebbe essere un piacere e un onore, non un miraggio. Altrimenti vorrebbe dire che “cambiare non si può né si deve”.

Oliviero Beha 

Lillo: “Rischia di buttare a mare la sua coraggiosa storia”

Non bisogna leggere i giornali berlusconiani per capire perché la candidatura di Ingroia è un errore, un danno alle indagini e uno sfregio all’immagine della magistratura. Per capire perché Ingroia non deve candidarsi basta leggere la sua memoria nell’indagine sulla trattativa Stato-mafia. In quel documento, firmato assieme ai colleghi Di Matteo, Del Bene e Tartaglia, Ingroia scrive che “due sono i politici-cerniera, le cinghie di trasmissione della minaccia della mafia allo Stato: Mannino prima e Dell’Utri dopo”, aggiunge che “il lungo iter della travagliata trattativa trovò finalmente il suo approdo nelle garanzie assicurate dal duo Dell’Utri-Berlusconi” con l’avvento della Seconda Repubblica e “la definitiva saldatura del nuovo patto di coesistenza Stato-mafia”. Ingroia ha scritto questo atto d’accusa devastante per Mannino e Dell’Utri, ma anche per Berlusconi solo il 5 novembre scorso. Tre mesi dopo competerà alle elezioni, magari con Dell’Utri e Mannino, mentre a Palermo è in corso l’udienza che dovrà stabilire se ci sono le prove per mandare a giudizio i suoi ex indagati e futuri rivali. Qualcuno medita addirittura una sua velleitaria candidatura a premier, magari contro quel Berlusconi accusato da Ingroia di aver siglato un patto con la mafia. Se si candidasse davvero, Ingroia permetterebbe a Berlusconi di passare per vittima e squalificherebbe la sua coraggiosa ricerca della verità sulle stragi e le origini di Forza Italia a mera arma di lotta politica. Tutto questo per cosa? Per creare una lista di ex pm alleati di Pd e Sel? Talvolta è più difficile dire “Io non ci sto” che scrivere appelli intitolati “Io ci sto”. Dottor Ingroia ci ripensi: è meglio essere ricordato per la foto ingiallita con il suo maestro Paolo Borsellino piuttosto che per una spruzzata di arancione sulla foto di Vasto.

Marco Lillo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ma io sto con l’Ingroia-uomo (prima di tutto)

prev
Articolo Successivo

Ingroia, porte aperte alla candidatura: il Csm accoglie la richiesta di aspettativa

next